Lucca in Diretta Notizie, Attualità e Politica di Lucca | Quotidiano on line

feed-image Voci Feed
A+ A A-

Primarie Pd, come si vota. Gli scenari a Lucca e Capannori

Vota questo articolo
(3 Voti)

affluenza primarie2829 imgI renziani stiano tranquilli. Comunque vada sarà un successo. La strategia di comunicazione d'altronde, è in atto da tempo: se il sindaco di Firenze vince le primarie sarà un trionfo contro tutto l'establishment di partito, se le perde è colpa dell'apparato che ha plasmato le regole per far vincere il segretario Pierluigi Bersani. Quindi chi se ne importa dei sondaggi che da una parte danno in testa il segretario di 8 punti percentuali, cui al ballottaggio si potrebbero sommare i 15-18 punti dei vendoliani e dall'altra parlano di un Renzi avanti "quasi dappertutto", dove il quasi probabilmente non copre ancora le terre non visitate dal camper di Adesso! Sotto rimane un sentore di autolesionismo, un pizzico di anticipo di spaccatura e, soprattutto, tanta ipocrisia. Dal rottamatore che rischia di essere il re dei riciclati (o peggio dei "trombati", specialmente di quel centrodestra che stenta a trovare un leader credibile e allora guarda altrove) e dai rottamandi che, in un'ansia di rinnovamento e per essere inattaccabili, fanno scrivere le regole delle primarie al professor Luigi Berlinguer (!). E a Lucca? Le fazioni sono fatte e le abbiamo già raccontate. E sono le stesse che, ahimè, hanno ridotto il consiglio comunale, parte maggioranza democratica, salvo rari casi, in una assise di "rappresentanti di...", a loro volta suddivisi in tambelliniani, marcucciani, marianiani e carmassiani. Per non parlare di chi guarderebbe a tutti e due gli schieramenti, in parte perché non convinto da nessuno dei due, in parte perché non si sa mai. Almeno questo è quanto si vocifera nei corridoi del Pd capannorese dove, fra i rappresentanti della giunta Del Ghingaro, da una parte c'è l'assessore al bilancio Lara Pizza che è fra i promotori del comitato per Bersani, dall'altra c'è il vicesindaco Luca Menesini che avrebbe in qualche modo strizzato l'occhio ai renziani. E qui in ballo ci sarebbe anche la successione a re Giorgio alle prossime elezioni amministrative, sempre che il centrodestra non si riorganizzi in tempo con un candidato credibile ed aggregatore. Certo è che con una coalizione che comprendesse, oltre al Pd, anche l'Udc nel principale centro della Piana non ce ne sarebbe davvero per nessuno...

Ma ecco il meccanismo di voto, dai renziani ritenuto kafkiano e tutto volto a tutelare l'apparato. Ai lettori (o agli elettori) ogni valutazione e commento.

 

QUANDO SI VOTA: le primarie si svolgono domenica 25 novembre 2012, dalle 8 alle 20. L'eventuale secondo turno si svolge domenica 2 dicembre 2012, negli stessi orari
CHI PUO' VOTARE Tutti gli elettori over 18 al 25 novembre che sottoscrivono il pubblico Appello di sostegno della Coalizione di centro sinistra "Italia Bene Comune" e dichiarano di riconoscersi nella sua Carta d'intenti; i cittadini dell'Unione europea residenti in Italia e i cittadini di altri Paesi in possesso di regolare permesso di soggiorno e di carta di identità.
L'ALBO Ci si dovrà iscrivere dal 4 al 25 novembre 2012 versando un contributo di almeno due euro. Eventuali eccedenze di denaro, rispetto alle spese sostenute per lo svolgimento delle primarie, saranno devolute al fondo per la campagna elettorale politica della Coalizione di centro sinistra "Italia Bene Comune". A quel punto si riceverà un Certificato di elettore della Coalizione di centro sinistra.
COME SI VOTA Occorre esibire al seggio un documento di identità, la tessera elettorale e il Certificato di elettore della Coalizione di centro sinistra "Italia Bene Comune". Ogni elettore può votare solo nel seggio che include la propria sezione elettorale esprimendo un'unica preferenza in corrispondenza del candidato prescelto. Non sono ammessi al voto per le primarie coloro che non abbiano sottoscritto il pubblico Appello e la Carta di intenti della Coalizione di centro sinistra "Italia Bene Comune" o coloro che svolgano attività politica in contrasto con la Coalizione di centro sinistra "Italia Bene Comune". Il Coordinamento nazionale adotta delibere attuative relative al voto degli italiani all'estero, degli studenti e dei lavoratori domiciliati fuori dalla regione di residenza, nonché ai seggi speciali.
I SEGGI Vengono insediati sabato 24 novembre 2012 alle 18 oppure domenica 25 novembre 2012 alle 7. Restano aperti domenica 25 novembre 2012 (e in caso di ballottaggio il 2 dicembre) dalle 8 alle 20. Son composti da un presidente e da due scrutatori assicurando nel seggio una reale pluralità di presenze politiche. Ciascun candidato potrà designare rappresentanti di lista.
IL BALLOTTAGGIO Qualora nessuno dei candidati abbia raggiunto il cinquanta per cento più uno dei voti validi, viene fissato per il 2 dicembre 2012 il ballottaggio fra i due candidati più votati al primo turno. In caso di parità di voti fra il secondo ed il terzo candidato si procede come da legge elettorale per le Province e i Comuni. Potranno parteciparvi anche coloro che dichiarino di essersi trovati, per cause indipendenti dalla loro volontà, nell'impossibilità di registrarsi all'Albo degli elettori entro il 25 novembre, e che, tra il 27 novembre e l'1 dicembre si iscrivano all'Albo degli elettori. Al secondo turno è proclamato eletto il candidato che ha ottenuto il maggior numero dei voti validamente espressi.

Enrico Pace

Ultima modifica il Lunedì, 22 Ottobre 2012 10:10

Aggiungi commento

Riempi tutti i campi affinchè il tuo commento venga approvato in fase di moderazione. Grazie, la redazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Segui i video di cronaca

 

Percussion-Day-2014

 

Lucca in Diretta è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Note s.a.s, via di Tiglio 1369/d, 55100 Lucca - p.iva 01264760461