Menu
RSS

Bar e ristoranti, sgravi per chi non spreca il cibo

turistiluccaContro lo spreco di cibo una mozione per incentivare ristoranti, bar e alberghi a donare generi alimentari a enti e associazioni che li distribuiranno a chi ne ha necessità: è stata votata martedì scorso all'unanimità dal Consiglio comunale la proposta presentata da Renato Bonturi, consigliere Pd.

Il meccanismo, spiega Bonturi, “è simile a quello già introdotto da altre amministrazioni. Si basa sull’autocertificazione e prevede sgravi fiscali sul tributo sui rifiuti per quelle attività commerciali ed economiche (dunque utenze non domestiche) che decideranno di devolvere gratuitamente i prodotti alimentari eccedenti a scopo solidaristico, per la redistribuzione che avverrà attraverso associazioni di volontariato, del terzo settore ed enti pubblici. Nel caso di Lucca le agevolazioni saranno promosse di concerto con Sistema Ambiente, la società di raccolta e smaltimento dei rifiuti”.
“Negli ultimi anni il Comune di Lucca - spiega ancora Bonturi - ha promosso, di concerto con le associazioni di volontariato e gli altri enti locali, diverse iniziative finalizzate ad incentivare la cultura del riuso, il contenimento degli sprechi alimentari e il riutilizzo delle eccedenze per finalità sociali: basta pensare al progetto Non buttare la pasta, al centro del riuso Daccapo, al tavolo delle associazione per la marginalità che ha attivato una sorta di Banco Alimentare Territoriale per le raccolte dalla grande distribuzione. In ultimo l’iniziativa di presentazione della legge contro lo spreco con la presenza a Lucca della parlamentare promotrice Maria Chiara Gadda”.
“La partecipazione e l’interesse riscontrati ci hanno fatto constatare che l'attenzione verso queste tematiche è notevolmente cresciuta, unendo al fondamento della solidarietà una nuova cultura attenta alla sostenibilità ambientale e indirizzata al conseguimento di una economia circolare. L’atto approvato in Consiglio comunale - conclude Bonturi - prosegue in questa direzione e mi auguro che presto potremo apprezzarne la traduzione in azioni concrete”.

1 commento

  • Sara
    Sara Venerdì, 24 Marzo 2017 02:29 Link al commento

    Forse sarà la volta buona che non le rimettono sul banco il giorno seguente per i clienti ignari..potrei citare pasticcerie rinomate che hanno il vizietto di riciclare. Dovrebbero essere obbligati a buttare o donare. Ma i controlli chi li farà ? Autocertificazione significa nessuna garanzia.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Libri

Giornalismi

Newsletter