Menu
RSS

Holding Servizi, dopo sciopero lavoratori chiedono certezze

pialliUna protesta pacifica ma che non per questo deve passare sotto silenzio. Ieri (31 luglio) infatti, hanno incrociato le braccia i lavoratori di Lucca Holding Servizi, la partecipata del Comune che gestisce tra le altre cose le affissioni e la riscossione delle multe. Lo sciopero è andato avanti per tutto il giorno e ha visto la partecipazione di quasi tutti i dipendenti. Tra i motivi che hanno portato a questa mobilitazione, la mancanza di volontà da parte del Comune di stabilizzare i dipendenti con contratto a tempo determinato che ne avrebbero diritto e che ricoprono ruoli fondamentali all’interno dell’azienda. Inoltre, l’acquisizione da parte della Holding del ramo di Gesam che gestisce i cimiteri che vedrà anche il passaggio di alcuni dipendenti sotto la Holding Servizi. Un’operazione in contraddizione con la scelta dell’azienda di non investire sulle proprie risorse umane e che crea un pericoloso precedente dato che i dipendenti Gesam manterranno i loro livelli salariali e tutti i benefit creando di fatto una situazione in cui si trovano a fare le stesse mansioni lavoratori di serie A e di serie B.

Leggi tutto...

Assunzioni, scatta lo sciopero a Lucca Holding Servizi

IMG 20180625 WA0007Ancora poca chiarezza sul futuro di alcuni dipendenti della Lucca Holding Servizi, dove è stata indetta una giornata di sciopero. "A breve - riferisce Simone
Pialli funzionario della Fisascat Cisl - andranno in scadenza cinque contratti a tempo determinato e non abbiamo avuto nessuna rassicurazione in merito ad eventuali passaggi a tempo indeterminato. Un’ulteriore spada di Damocle sulla testa di questi lavoratori è rappresentata dal decreto dignità che, se attuato, andrebbe a limitare l'utilizzo dei contratti a termine. Questo, per alcuni di loro, vorrebbe dire la conclusione di un percorso all'interno della Lucca Holding Servizi".

Leggi tutto...

Sciopero benzinai ex Esso, Ciuoffo: 'Situazione di ricatto'

Ciuoffo e rappresentanti benzinai ex EssoSerrata di tutte le pompe di benzina ex Esso della Toscana, dell'Umbria, delle Marche e dell'Abruzzo per protestare contro Petroliera Adriatica, società subentrata nella proprietà degli impianti alla Esso italiana srl, accusata di "rifiutarsi di applicare l'accordo economico e normativo vigente e di applicare condizioni unilaterali peggiorative ai gestori della rete degli impianti". 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Libri

Giornalismi

Newsletter