Menu
RSS

Camaiore, 450mila euro di lavori di manutenzione per il consorzio di bonifica

riunione a Camaiore 21.04.2018Oltre 450mila euro di lavori di manutenzione e prevenzione sui corsi d’acqua, che prenderanno il via già nelle prossime settimane, e che saranno affidati in gran parte agli agricoltori della zona: a cui si aggiungono decine e decine di interventi, che saranno realizzati direttamente dalle squadre degli operai dell’ente. L’automatizzazione di tutti gli impianti idrovori presenti: che aumenteranno la sicurezza idraulica del territorio, e produrranno importanti risparmi nei costi per la loro gestione. E più di un milione e mezzo di progetti già cantierabili, per interventi dalle caratteristiche straordinarie e strutturali: per i quali il Consorzio ha chiesto i necessari finanziamenti alla Regione, e che prenderanno quindi il via, appena arriveranno appunto le risorse, per risolvere le criticità idrauliche presenti su Canale Trebbiano, Canale Bagno, Canale Tesorata, Canale Paduletto e Fosso Fillungo.

Leggi tutto...

Con la centralina arredi e manutenzioni al parco fluviale

Impianto idroelettrico PasquinelliMini impianto idroelettrico sulla riva sinistra del fiume Serchio, in località Palazzaccio a Sant'Anna: una realizzazione che porterà lungo il parco fluviale una serie di interventi migliorativi – e relativa manutenzione annuale – a carico di Ies, la società bresciana che ha proposto la nuova infrastruttura per la produzione di energia pulita. La convenzione con il Comune di Lucca, approvata dalla giunta comunale questa mattina (17 aprile), prevede che prima dell’inizio dei lavori siano ripianate tutte le buche nel tratto di percorso compreso tra ponte San Pietro e la passerella di via del Tiro a Segno, su entrambe le sponde, e che lungo lo stesso tratto vengano ripristinati e dotati di lucchetti i cancelli già esistenti, per impedire il transito dei mezzi, e siano riposizionati i new Jersey in cemento.

Leggi tutto...

Manutenzione treni, i sindacati: "A rischio 400 posti di lavoro"

treni swing"La Toscana rischia di perdere oltre 400 posti di lavoro nel settore della manutenzione ferroviaria". A lanciare l’allarme sono le segreterie regionali di Cgil, Cisl e Uil, preoccupate dai piani presentati da Trenitalia che mettono in discussione l’attuale livello di produzione delle officine di Firenze Osmannoro, Pisa e Siena, nonché della direzione tecnica nazionale dell’ingegneria della manutenzione rotabili di viale Spartaco Lavagnini a Firenze.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter