Menu
RSS

Comune, ridefinito contratto Calore con Gesam Energia

comuneluccaGiù il costo del riscaldamento degli edifici pubblici. E' uno dei corollari della redifinizione dei rapporti fra Comune di Lucca e Gesam Energia Spa, in attesa del complesso ridisegno delle società della galassia Gesam.
La giunta nella seduta di venerdì (9 marzo) ha approvato la relativa delibera resa necessaria in quanto il 31 ottobre il contratto Calore, che riguarda la fornitura di riscaldamento di tutti gli edifici comunali (comprese le scuole), è formalmente scaduto. Quindi, come spiegato all'interno della delibera, oltre a dover procedere a ridefinire i rapporti economici con Gesam Energia, la giunta ha anche disposto che la società continui temporaneamente a svolgere il servizio di fornitura calore agli edifici pubblici, in quanto si tratta di un servizio essenziale per i cittadini.
Nella stessa delibera è stabilito che il costo della fornitura dovrà essere inferiore almeno del 3 per cento rispetto ai migliori corrispettivi Consip, la società del ministero dell'economia e finanze che ha il compito di definire i prezzi medi ai quali possono essere acquistati beni e servizi sul mercato per le pubbliche amministrazioni.

Leggi tutto...

Sforamenti Pm10, scattano ordinanze dei Comuni della Piana

smogProsegue lo stop alla circolazione di veicoli inquinanti e all'accensione dei caminetti. Nuove ordinanze a tutela della qualità dell'aria sono state emesse quest'oggi in maniera coordinata dai Comuni di Lucca, Altopascio, Porcari e Capannori. I provvedimenti, che rientrano nelle misure del Piano di azione comunale, sono stati presi in seguito alla nuova nota dell'Arpat sullo stato dell'aria emessa ieri (26 dicembre). In base alle ordinanze emesse, già a partire da oggi (27 dicembre) e per quattro giorni consecutivi nella fascia oraria 7,30 – 19,30, nei territori comunali non potranno circolare le autovetture diesel euro 0, euro 1 ed euro 2 e i veicoli merci euro 0, euro 1 ed euro 2. Sempre dal 27 al 30 dicembre, non si potranno accendere gli impianti domestici di riscaldamento alimentati a legna, come i caminetti. Il divieto non riguarda le stufe a pellet, gli impianti ad alto rendimento termico e quelli che rappresentano l'unica fonte di riscaldamento dell'abitazione. In questo caso, l'ordinanza è valida 24 ore su 24. Il provvedimento non riguarda le case poste a una quota di altitudine di oltre 200 metri. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter