Menu
RSS

Parco Appennino: "Cambiamenti climatici, servono contromisure"

tecnici delParcoNazionalesullatorbiera inariditaPochi giorni fa si è riunito il Consiglio direttivo del Parco Nazionale, che all'unanimità, ha approvato un documento dove viene presa in esame la grave emergenza ambientale che affligge in questi mesi anche i territori di crinale. “Il mutamento climatico - si legge in una nota - dovuto all'effetto serra è ormai una realtà attuale e non solo una preoccupante prospettiva del futuro. Serve un salto di qualità delle politiche nazionali e internazionali di prevenzione e mitigazione di ulteriori effetti ma serve anche un cambiamento dei comportamenti nella produzione e nei consumi da parte delle imprese, delle famiglie e dei singoli. Servono inoltre strategie e misure immediate di adattamento. L'Europa meridionale e all'interno di esso il crinale e il confine climatico Euro-Mediterraneo, su cui insiste il Parco Nazionale, paiano oltre che estremamente sensibili particolarmente colpite".

Lo insegnano secondo il consiglio direttivo del Parco Appennino gli eventi più recenti. "Negli ultimi mesi - prosegue infatti la nota - si sono registrate temperature altissime e precipitazioni molto basse, assenza di neve, precoce rinsecchimento e caduta di fogliame dagli alberi, riduzione e prosciugamento di sorgenti, torrenti e corsi d'acqua, comparsa di incendi boschivi anche sul versante nord (che era storicamente indenne). E' difficile valutare quanto ci sia di eccezionale in tutto questo - continua il Consiglio - o quanto piuttosto ciò rappresenti l’inizio di una nuova, cambiata normalità. E difficile altresì, di conseguenza valutare tutti i cambiamenti che si possano produrre (sia positivi che negativi) sul territorio del nostro Appennino. Se da un lato la congiuntura climatica ha favorito il turismo estivo d'altro lato destano fortissime preoccupazione altre possibili emergenze sugli ecosistemi sulle coltivazioni e anche sull'economia del territorio. Preoccupa in modo particolare la riduzione delle precipitazioni,degli apporti di acqua, alle sorgenti ai corsi fluviali e alle falde. È necessario urgente rivedere i parametri dei bilanci idrici di bacino e anche i modelli previsionali. La revisione di parametri e previsioni deve portare immediatamente e rivedere i piani e programmi di gestione delle acque in quanto da un lato il rispetto del decreto ministeriale e dall'altro rispetto alla conservazione, la disponibilità, allo stoccaggio e all'uso rigoroso ed efficiente delle sorgenti risorse per i diversi consumi potabile, energetico e idrico. Il Parco Nazionale si propone di approfondire le problematiche di sua più stretta competenza in relazione alla tutela possibile del patrimonio forestale e del patrimonio e degli ecosistemi di sorgenti, laghi, torrenti e fiumi e altresì alla introduzione o ripristino di colture idonee e attività di cura del territorio. Propone altresì a tutte le autorità competenti in primis Regioni, Autorità di Bacino, gestione di acquedotti consorzi di bonifica di programmare ufficialmente sedi e tempi di modalità di confronto sui temi sopra esposti con particolare riferimento alle previsioni di bilancio idrico di ciascun bacino alla gestione delle infrastrutture esistenti, alla nuova progettazione e costruzione di nuove infrastrutture, sbarramenti, opere di stoccaggio delle acque, di emanazione di più rigorose linee guida sui prelievi e consumi di acque secondo criteri di priorità efficienza negli utilizzi. In queste sedi - conclude il consiglio direttivo - il Parco Nazionale è pronto ad apportate il suo più costruttivo contributo di messa in valore e utilizzo sostenibile delle risorse dell’ambiente dell’Appennino”.

Ultima modifica ilLunedì, 11 Settembre 2017 14:00

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter