Menu
RSS

Anche da Lucca per la costituzione del movimento Forza Europa

coluccismokingAnche un pezzo di Lucca alla nascita del nuovo movimento Forza Europa. Oggi (21 aprile) si terrà a Milano la prima assemblea degli iscritti e dei simpatizzanti di Forza Europa, domani si terranno le votazioni per eleggere la direzione nazionale e il segretario generale. Votazioni a scrutinio segreto su liste territoriali, si potrà anche votare on-line per assicurare la massima partecipazione.

Leggi tutto...

Morto lo storico commerciante Gianfranco Tarabori

  • Pubblicato in Cronaca

premiati50annib 51Lutto nel mondo del commercio per la morte di Gianfranco Tarabori, storico titolare di un’azienda di agricoltura e giardinaggio con sede a Gossi, nel comune di Montecarlo. I funerali si svolgeranno domani (21 aprile), alle 16 alla chiesa di Badia Pozzeveri dove verrà celebrata la Santa Messa officiata dal vescovo di Lucca Italo Castellani. La tumulazione avverrà nel cimitero di Altopascio.
Con il padre Aladino, negli anni Sessanta, aveva cominciato come rivenditore di Vespe Piaggio. Poi fondò l’impresa attuale, nel 1969, conosciuta in tutta la Toscana e non solo. Prima con la sede di via Gavinana a Altopascio, poi in quella attuale, a Gossi, oltre che il complesso Agrigarden a Lucca.
 Tantissimi gli attestati di stima e cordoglio giunti  alla moglie Giuliana, ai figli Massimo, Paolo e ai nipoti Gabriele (entrato da poco in ditta per la quarta generazione della famiglia), Filippo, Lorenzo, Leonardo.  Gianfranco Tarabori era molto noto e attivo anche nel volontariato.

Leggi tutto...

Revocato sequestro di beni all'imprenditore Raffaelli

  • Pubblicato in Cronaca

tribunaleSequestro dei beni per l’accusa di associazione di stampo mafioso, l’Appello revoca la decisione. E’ questa la decisione della sede di Firenze di ieri (11 aprile) nei confronti dell’imprenditore Pietro Raffaelli, ex presidente del Viareggio. I fatti risalgono all’1 ottobre del 2013 quando a Raffaelli, condannato in prima istanza per associazione di stampo mafioso, trasferimento fraudolento di valori e omissione della comunicazione di variazione del patrimonio al nucleo di polizia tributaria, furono sequestrati beni personali e familiari. A luglio 2016 il sequestro era stato confermato con sentenza di primo grado dal tribunale di Lucca. Contro sentenza l’imprenditore ha presentato ricorso alla corte d’appello di Firenze, assistito dai difensori Nico D’Ascola e Tullio Padovani, che ha dato ragione annullando il sequestro in quanto, dice la corte “non vi sono in atti elementi di fatto che consentano di affermare l’appartenenza del Raffaelli ad associazioni criminali di stampo mafioso e dunque la sua pericolosità specifica”.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter