Menu
RSS

Revocato sequestro di beni all'imprenditore Raffaelli

  • Pubblicato in Cronaca

tribunaleSequestro dei beni per l’accusa di associazione di stampo mafioso, l’Appello revoca la decisione. E’ questa la decisione della sede di Firenze di ieri (11 aprile) nei confronti dell’imprenditore Pietro Raffaelli, ex presidente del Viareggio. I fatti risalgono all’1 ottobre del 2013 quando a Raffaelli, condannato in prima istanza per associazione di stampo mafioso, trasferimento fraudolento di valori e omissione della comunicazione di variazione del patrimonio al nucleo di polizia tributaria, furono sequestrati beni personali e familiari. A luglio 2016 il sequestro era stato confermato con sentenza di primo grado dal tribunale di Lucca. Contro sentenza l’imprenditore ha presentato ricorso alla corte d’appello di Firenze, assistito dai difensori Nico D’Ascola e Tullio Padovani, che ha dato ragione annullando il sequestro in quanto, dice la corte “non vi sono in atti elementi di fatto che consentano di affermare l’appartenenza del Raffaelli ad associazioni criminali di stampo mafioso e dunque la sua pericolosità specifica”.

Leggi tutto...

Bianchi (M5S): "Villa di Forte sequestrata a mafia sia destinata a scopi sociali"

gbianchim5s“Ci sono ben 35 organizzazioni di stampo mafioso con sede operativa in Toscana delle quali qualcuno ricorda solo le più note: Ndrangheta, Camorra, Cosa Nostra, mafia russa e mafia cinese. La criminalità organizzata sta colonizzando questa regione e ce lo dicono i numeri”. Così Gabriele Bianchi, consigliere regionale M5S, che chiede che la villa di Forte dei Marmi "sequestrata nel 1996 a Gioacchino Matragna sia tolta dall’attuale stato di abbandono e destinata finalmente ai fini sociali indicati dalla legge”.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter