Menu
RSS

Due agenti aggrediti al carcere di Lucca in poche ore

carcereluccaAgenti della polizia penitenziaria insultati e aggrediti da un detenuto. E' la denuncia di Nicola Auriemma, segretario del sindacato Alsippe di Lucca, che racconta di due episodi avvenuti tra ieri sera e oggi (20 novembre) nel carcere San Giorgio. "Nella serata scorsa – sottolinea il sindacato -, un agente, dopo essere stato oltraggiato per l'intera durata del turno, ha dovuto far ricorso alle cure mediche per aver riportato una lesione ad un arto superiore nel tentativo di impedire la continuazione di azioni volte alla destabilizzazione dell'ordine, della disciplina e della sicurezza, nonché indirizzate a salvaguardare l'incolumità del soggetto facinoroso e degli altri ristretti".

Leggi tutto...

Scippano una pensionata poi si cappottano con l'auto

di Roberto Salotti
Schermata 11-2456982 alle 17.50.43Lo scippo ad un'arzilla vecchietta di 82 anni si trasforma in un siparietto davvero singolare, con i ladri inseguiti da un passante e una fuga finita con il cappottamento dell'auto in una scarpata. E' ancora uccel di bosco, però, uno dei due malviventi che oggi pomeriggio (20 novembre) attorno alle 15,30 hanno derubato davanti alle scuole di San Leonardo in Treponzio l'anziana che stava andando a piedi dal parrucchiere. A bordo di un'auto di piccola cilindrata di colore giallo si sono avvicinati alla vecchietta, strappandole la borsa dal finestrino, e scappando: dopo ore di caccia all'uomo, uno di loro è finito nella rete dei carabinieri di Pontedera.

Leggi tutto...

Processo La Pietra, comitato in presidio al tribunale

presidio3Un presidio, guidato dall'ex assessore provinciale Emiliano Favilla, ha caratterizzato la mattinata dei processi di oggi (20 novembre) al tribunale di Lucca dove era in scena l'udienza che vede la dirigente scolastica Filomena La Pietra accusata di turbativa d'asta e falsità materiale commessa da privato. Una manifestazione, quella del comitato Stop a l'età de La Pietra, per tenere alta l'attenzione sulle vicende giudiziarie che hanno portato e porteranno nei prossimi mesi più volte la dirigente scolastica versiliese in tribunale a Lucca in alcuni casi come presunta parte lesa e in altri come imputata.

Leggi tutto...

Occupa casa popolare e si allaccia a contatore: denunciato

polizia nunicipale AltopascioDurante i controlli che periodicamente l'amministrazione comunale di Altopascio effettua nelle case popolari, per verificare il corretto utilizzo da parte degli assegnatari, è emerso che un alloggio risultava non abitato dall'assegnatario da alcuni mesi, ma che regolarmente la sera c'erano le luci accese e accedevano allo stesso delle persone. Approfondendo la situazione, è stato successivamente accertato che era stato manomesso il contatore dell'energia elettrica con dei cavi posticci. La polizia municipale ha quindi contattato il personale Enel per svolgere un sopralluogo congiunto, dal quale è emerso che l'erogazione dell'energia elettrica era stata sospesa per morosità ma che, attraverso alcuni fili, oltretutto non isolati, la corrente elettrica veniva collegata abusivamente all'impianto dell'abitazione.
Dopo avere ripristinato la sicurezza del contatore, per gli agenti della Polizia Municipale non è restato altro che attendere che arrivassero gli occupanti abusivi dell'abitazione.

Leggi tutto...

Viaggiano sull'auto rubata: denunciati in due

Nei giorni scorsi gli uomini del Commissariato di Viareggio, durante il servizio di controllo del territorio, hanno controllato due persone che transitavano in auto in via Mazzini a Viareggio. L'auto, una Fiat Panda, è risultata rubata nel maggio scorso all'esterno della stazione di Pisa E per i due, un 56enne e una 33enne di Camaiore, è scattata la denuncia per ricettazione in concorso. Il veicolo, in custodia negli uffici del commissariato, sarà restituita al legittimo proprietario. Sono in corso ulteriori indagini per stabilire la responsabilità dei malviventi su altri furti commessi su autovetture in sosta in città.

Leggi tutto...

Omicidio Canozzi: due condanne a 28 e a 11 anni

duearrestiminuccianoE' finita con due condanne severe il processo in Corte d'Assise per due degli indagati per l'omicidio di Ugo Canozzi, l'ex poliziotto di 82 anni morto nel suo letto a Castagnola di Minucciano dopo essere stato legato mani e piedi al suo letto con delle cinghie e imbavagliato per un tentativo di rapina. Ad essere condannati sono stato Lorenc Marini, 28 anni, imbianchino originario dell'Albania e il connazionale Besnik Metushi, 25 anni. Per il primo la condanna è a 28 anni di carcere, per il secondo a 11 con l'accusa di omicidio volontario con dolo eventuale. Il primo sarebbe l'autore materiale della costrizione nel letto dell'anziano ex agente, l'altro non sarebbe fattivamente entrato nell'abitazione, avrebbe però guidato la vettura usata per compiere il colpo poi diventato rapina e infine omicidio volontario con dolo eventuale. Il pm, Fabio Origlio durante il dibattimento, aveva chiesto rispettivamente 16 e 30 anni per i due, pene sostanzialmente accolte dalla corte, che ha anche stabilito una provvisionale per il risarcimento danni alla parte civile, la famiglia del Canozzi, di 100mila euro oltre al pagamento delle spese processuali e per il mantenimento in carcere. Il terzo membro della banda Florind Marini invece non è ancora stato processato perché si trova in Albania dove sta scontando un'altra pena nel carcere del suo paese. Il processo per quest'ultimo si aprirà appena avrà terminato di scontare la pena, visto che le pratiche per l'estradizione sono già state espletate.

Leggi tutto...

Travolge un ciclista e scappa: denunciato anziano

polmunicipaleE’ durata meno di un'ora la caccia ad un pirata della strada che questa mattina (19 novembre) ha urtato e fatto cadere a terra un giovane che a bordo di una bicicletta stava percorrendo via dell'Acquacalda a San Pietro a Vico. L'anziano settantenne alla guida dell'utilitaria però non si è fermato e ha proseguito senza prestare soccorso. A dare l'allarme sono stati alcuni passanti che hanno preso la targa della vettura, riferendola agli agenti della polizia municipale di Lucca che al termine delle ricerche hanno denunciato il pensionato per omissione di soccorso. L'uomo, rintracciato poco dopo le 10 si è giustificato spiegando di non essersi accorto di nulla.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter