Menu
RSS

Trovato con un computer rubato: fermato

carabinieripostobI carabinieri di Lido di Camaiore, nel corso di apposito servizio di contrasto ai reati contro il patrimonio, hanno fermato ricettazione, un 36enne georgiano, Giorgi Tatarishivili, senza fissa dimora, già noto alle forze di polizia.

Lo straniero infatti è stato fermato per un controllo da una pattuglia dei carabinieri mentre stava transitando a bordo di una bicicletta per le vie del centro di Lido di Camaiore.
L’uomo, alla vista dei militari, ha tentato di defilarsi facendo finta di nulla ma è stato raggiunto e bloccato.
I carabinieri hanno subito riscontrato che era privo dei documenti d’identità e, dopo averlo sottoposto a perquisizione, hanno rinvenuto un pc portatile Apple MacBook Air che teneva nascosto nel proprio zaino.
A questo punto, non sapendo giustificare il possesso del computer, dopo aver inventato giustificazioni che non hanno assolutamente convinto i militari dell’arma, è stato condotto in caserma.
Dagli accertamenti è emerso che il pc era stato rubato qualche ora prima all’interno di un’autovettura parcheggiata a Marina di Massa.
Dunque, considerati i precedenti del 36enne, che tra l’altro era sprovvisto di documenti d’identità e di fissa dimora, i carabinieri lo hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto per ricettazione e, su disposizione dell’autorità giudiziaria di Lucca, è stato condotto al carcere San Giorgio.
Il pc portatile, del valore di circa 1.500 euro, è stato recuperato e restituito al legittimo proprietario.
Nella mattinata di ieri, invece, al tribunale di Lucca è stato convalidato il fermo dello straniero che rimarrà ristretto nella Casa Circondariale di Lucca.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter