Menu
RSS

Case e auto con i soldi dello spaccio: 3 in cella

  • Pubblicato in Cronaca

di Roberto Salotti
polizia9Il condominio dove vivevano era diventato il loro fortilizio, una sorta di zona franca dove, per la polizia, una famiglia spacciava indisturbata ai giovanissimi, tenendo in scacco altri 13 nuclei che abitano nella stesso palazzo che si affaccia su piazzale Sforza. Non servivano nemmeno le minacce ormai a tenere buoni i vicini. Molti preferivano ignorare per non avere conseguenze, contribuendo più o meno inconsapevolmente a rinsaldare il dominio di quella famiglia. E come avviene in ogni casa, era la madre a tirare le fila di tutto. Del resto, si sfoga in diverse conversazioni carpite dalla polizia, "io c'ho dieci persone in casa da mangiare, c'ho dieci che vogliono mangiare con uno stipendio". Quello del marito, un operaio di cartiera che ha ottenuto la casa popolare ma a cui non viene contestato alcun addebito, non era sufficiente per Adelina Lisi, 40 anni, di origini albanese, per la dote dei due figli. Lo spaccio, ritiene la polizia, serviva ad assicurare un futuro a Hasan, 23 anni, e alla famiglia dell'altra figlia, i cui interessi li gestiva direttamente il genero, Daniel Valentin Ungureanu, rumeno di 28 anni. Gli introiti del giro, erano finiti nell'acquisto di due terratetto a Porcari e a Capannori, destinati per l'appunto ai figli della donna. 

Leggi tutto...

Condanna definitiva e espulsione per pusher pineta

  • Pubblicato in Cronaca

carabiniericontrolliDovrà scontare 4 anni di carcere e espiata la pena sarà espulso. E' definitiva la condanna nei confronti di Abderrahim Jarmouni, 25 anni, di origini marocchine che era stato arrestato dai carabinieri di Viareggio insieme ad altre 12 persone, nell'ambito di una maxi operazione contro lo spaccio degli stupefacenti in pineta a Viareggio, che risale al 2013. La Cassazione ha confermato la condanna di secondo grado, respingendo il ricorso del 25enne che ne chiedeva l'annullamento. Respinta dunque anche la richiesta di annullare il provvedimento di espulsione alla fine della pena.
Il tribunale di Viareggio aveva condannato il presunto pusher a quattro anni di reclusione e al pagamento di una multa di 14mila euro nel maggio del 2013. Sentenza che la Corte d'Appello di Firenze aveva confermato riformando l'entità dell'ammenda, portata da 14 a 16mila euro.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Newsletter