Menu
RSS

Fondazione unica della cultura, i dubbi di LeU

teatrogiglioFondazione unica della cultura, i dubbi di Liberi e Uguali Lucca. "Non ci sembra che nei programmi elettorali di Alessandro Tambellini - dice il coordinamento lucchese - si trovasse la proposta di sciogliere teatro del Giglio, Opera delle Mura e Itinera in un’unica fondazione. Le ultime due istituzioni fanno parte di quell’articolato sistema di nuovi enti attraverso il quale Pietro Fazzi sottrasse parti decisive dell’amministrazione dal controllo diretto dei rappresentanti eletti dai cittadini. Ci si potrebbe domandare, a questo punto, qual è la loro funzione e perché non liquidarle. Fra i meriti dell’amministrazione Tambellini c’è certamente il risanamento e il rilancio del teatro del Giglio, e forse varrebbe la pena di riprendere la proposta, che era stata accantonata, di trasformarlo in fondazione. Ma il progetto di cui si parla oggi sembra avere un segno diverso e prima che si compiano scelte che finirebbero per diventare irreversibili va avviata una discussione approfondita che coinvolga i lucchesi, guardando al di là degli eventuali benefici contabili o della prospettiva di attrarre finanziamenti privati".

Leggi tutto...

Nuova fondazione, Ragghianti: “Progetto strategico”

ragghianti"La riflessione e lo studio che si sono sviluppati intorno a quella che impropriamente viene chiamata 'fondazione unica' riguarda, nel complesso, una nuova organizzazione delle strutture e degli strumenti cittadini di produzione della cultura, di organizzazione degli eventi, di tutela e valorizzazione dei beni culturali e di accoglienza e promozione del turismo". Apre così la nota dell'assessore alla cultura Stefano Ragghianti in seguito alla richiesta di chiarezza da parte dei sindacati in merito al progetto culturale del teatro e sulla tutela della professionalità dei lavoratori. 

Leggi tutto...

A servizio del potere: la cultura al tempo di Elisa

porta elisa 17Il turbine giacobino trascorre velocemente a Lucca, frenato dalla scarsità dei suoi quadri, dalla ostilità dell’aristocrazia e del clero e dall’avversione sanfedista. Subentra un desiderio d’ordine e di legalità. Da Repubblica 'democratizzata', Lucca viena trasformata in Principato di Lucca e Piombino. Il 14 luglio (si noti la densità simbolica di questo data) 1805, a mezzogiorno preciso, Elisa Marianna Bonaparte, sorella di Napoleone, e suo marito, Felice Baciocchi, fanno il loro ingresso nella città murata.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter