Menu
RSS

Rinnovata tradizione della vestizione del Volto Santo

WhatsApp Image 2018 09 13 at 13.11.24 1Si è rinnovata anche oggi (13 settembre), vigilia di Santa Croce, la cerimonia della “vestizione” del Volto Santo, un rito tradizionale che culmina con la processione e l'adorazione in cattedrale. Si è ripetuto il rito preparatorio e minuzioso della vestizione del Volto Santo con i paramenti gelosamente custoditi all'interno del museo della cattedrale. Rinnovata la tradizione, dunque, che vuole che anche la statua che viene venerata in occasione della Santa Croce, adornata a "festa" con i preziosissimi abiti e gli ori che da secoli arredano il crocifisso ligneo all'interno della cappella in San Martino. Il crocifisso ligneo è stato ornato dei paramenti dorati e l'interno della cattedrale preparato all'arrivo del corteo religioso, che si concluderà, dopo il saluto dell'arcivescovo Italo Castellani, con il Mottettone.


La leggenda del Volto Santo affonda le sue radici nel medioevo ed è riferibile all'epoca del vescovo Rangerio (1097-1112), quando fu redatto un racconto della creazione, scoperta e traslazione del santissimo volto. In questa tradizione viene fissato il racconto dell'arrivo a Luni, e successivamente a Lucca, nel 742, di una immagine scolpita da quel Nicodemo che, con Giuseppe d'Arimatea, depose Cristo nel sepolcro. La leggenda riporta anche che Nicodemo si sarebbe trovato di fronte all'impossibilità di riprodurre il volto del Messia e che l'immagine sarebbe stata da lui ritrovata già scolpita in modo miracoloso. La leggenda continua raccontando che per sfuggire alla minaccia di distruzione essa venisse posta su una nave priva di equipaggio, lasciata libera di navigare a tutti i venti, che infine giunse nel Tirreno, di fronte al porto di Luni.
La nave avrebbe resistito ad ogni tentativo di abbordaggio da parte dei lunensi, salvo poi approdare spontaneamente a riva dopo l'esortazione del vescovo di Lucca Giovanni I, giunto nel frattempo nella zona dopo essere stato avvisato in sogno della presenza sulla nave del Volto Santo. Una volta portato a terra, il crocifisso fu ancora disputato da lunensi e lucchesi, ma altri segni divini vollero che il crocifisso venisse condotto a Lucca, e alla fine i lunensi furono costretti a rinunciare al possesso della reliquia, ricevendo in compensazione un'ampolla del sangue di Cristo prelevata da dentro il crocifisso. Tale reliquia è ancora venerata a Sarzana, essendovi giunta dopo l'abbandono di Luni.
I lucchesi accolsero immediatamente con grande venerazione il crocifisso del Volto Santo, che fu posto nella basilica di S. Frediano. Al mattino seguente però, il Volto Santo era sparito. Fu però ritrovato in un orto nelle immediate vicinanze della cattedrale di S.Martino: individuato come un "segno" miracoloso, il crocifisso del Volto Santo resta tutt'oggi nel duomo di Lucca.

Ultima modifica ilGiovedì, 13 Settembre 2018 18:40

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter