Menu
RSS

Ristoratore ucciso dal monossido, a Empoli i funerali

  • Pubblicato in Cronaca

marcoalderighiDolore e incredulità. Sono questi i sentimenti più diffusi tra i parenti e i tanti amici di Marco Alderighi, il ristoratore 40enne di Empoli, ucciso dalle esalazioni di monossido di carbonio, dovute probabilmente al malfunzionamento di una caldaia, in una casa di proprietà della famiglia a San Pellegrino in Alpe, in alta Garfagnana. Domani (18 gennaio) si terrà alla chiesa di Santa Maria di Empoli il funerale di Alderighi: amici e conoscenti si danno appuntamento alle 10 per l'ultimo saluto al commerciante, molto noto nell'empolese anche per la sua passione per il calcio che lo aveva portato a giocare in squadre amatoriali.

Leggi tutto...

Due colpi in due giorni in casa di noto ristoratore

  • Pubblicato in Cronaca

poliziacittaDue colpi in due giorni nella casa di un noto ristoratore di Torre del Lago. Ieri i ladri, mentre i proprietari erano al lavoro, sono entrati forzando una finestra e hanno portato via soldi, orologi e preziosi per un totale di circa 30mila euro di bottino. Oggi il furto bis: l’obiettivo, stavolta, la cassaforte, dove erano custoditi altri oggetti di valore per migliaia di euro. Sugli episodi indaga il locale commissariato di polizia.

Leggi tutto...

Ristoratore: "Preso a pugni da dei ragazzini"

  • Pubblicato in Cronaca

di Roberto Salotti
iltabarroHa rimproverato un gruppo di giovani troppo rumorosi che disturbavano i clienti a tavola nel dehors del suo locale, ma è stato affrontato da almeno due di loro che prima lo hanno insultato e poi colpito una volta che il ristoratore Mario Quintili, 73 anni, titolare de Il Tabarro, in pieno centro storico, era caduto a terra, perdendo l'equilibrio mentre cercava di allontanare i ragazzi molesti. “Sono uscito dal locale dopo aver chiesto per la seconda volta a quei ragazzi, tutti tra i 18 e i 20 anni, albanesi, di fare meno chiasso – racconta il titolare dl locale di vicolo della Dogana - ho afferrato una sedia per difendermi ma sono inciampato perché indossavo le ciabatte. Una volta a terra due di loro mi hanno colpito: sono stato raggiunto da alcuni pugni, mentre cercavo di respingere entrambi”.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Newsletter