Menu
RSS

Smog, Zucconi: "Lucca maglia nera? Colpa di amministrazioni inefficienti"

zucconiiIl candidato per il centrodestra unito nel collegio della Camera dei deputati Riccardo Zucconi esprime tutta la sua preoccupazione e la critica verso gli amministratori a seguito della notizia che la Piana di Lucca con oltre 50 superamenti dei livelli di guardia di polveri sottili vede purtroppo confermata la maglia nera in Toscana. Infatti, secondo il dossier Mal'aria 2018 di Legambiente, i dati registrati alla centralina Arpat di Capannori sono i peggiori in regione. Viene dietro Montale.

Leggi tutto...

Polveri sottili, Piana di Lucca maglia nera in Toscana

  • Pubblicato in Cronaca

trafficoluccaE' la Piana di Lucca con oltre 50 superamenti dei livelli di guardia di polveri sottili a vedere purtroppo confermata la maglia nera in Toscana. Secondo il dossier Mal'aria 2018 di Legambiente, i dati registrati alla centralina Arpat di Capannori sono i peggiori in regione. Viene dietro Montale. Il rapporto sull’inquinamento atmosferico nelle città italiane e la campagna annuale Pm10 ti tengo d'occhio, che monitora l'andamento giornaliero dei 96 capoluoghi di provincia di cui sono disponibili i dati tiene in considerazione solo le centraline urbane di fondo e di traffico.  Dal rapporto emerge un bilancio fatto di luci e ombre per la Toscana, anche se è indubbio che il trend decennale segnala miglioramenti consistenti, specie sulle polveri fini.

Leggi tutto...

Ampliamento Ds Smith, Legambiente lancia l'allarme

ds smithIl timore è che aumentino smog e rumore. Il progetto di ampliamento della Ds Smith preoccupa Legambiente Capannori e Piana lucchese che riporta al centro la questione dell'azienda di Porcari, in attesa della Conferenza di Servizi che si svolgerà domani (8 febbraio) in Regione, dove gli enti competenti decideranno sul rilascio dell’autorizzazione unica per installare la terza linea di produzione. Il progetto della multinazionale, sostengono gli ambientalisti, prevede il raddoppio circa della capacità produttiva (per un totale di 700 mila tonnellate all’anno di carta per ondulatori), ma anche l’incremento consistente dei prelievi di acqua dolce (+34%), degli scarichi idrici e degli scarti di pulper. Il tutto sembra destinato ad avvenire senza alcun incremento dei posti di lavoro. "L’aspetto che più preoccupa, tuttavia - si speiga - è l’aumento dei valori di pm10 ed inquinanti emessi in atmosfera, che, secondo le previsioni, saranno pressoché duplicate rispetto allo stato attuale per effetto del traffico indotto: 115 mezzi pesanti in più al giorno che troveranno ingresso nell’azienda, per un totale di quarantamila tir all’anno. Un duro colpo per un territorio come la Piana di Lucca già messo in ginocchio da un’aria sempre più malata".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter