Menu
RSS

Quattro sindaci per Neri: "Esempio di buon governo"

EttoreNeri 1Sindaci della Versilia storica e dell'Alta Versilia a sostegno di Ettore Neri in vista del ballottaggio di domenica a Pietrasanta. Del Dotto, Verona, Mungai e Tarabella (mancano, invece, Del Ghingaro e Murzi) lanciano l'appello al voto per il candidato di centrosinistra: "Abbiamo conosciuto Ettore Neri in tutti questi anni - dicono -  e ne abbiamo apprezzato la capacità di coniugare determinazione e pacatezza, abbiamo apprezzato le sue qualità di uomo e di amministratore, il suo stile sobrio e senza eccessi, il suo sguardo rivolto sempre verso il futuro e l'innovazione, la ricerca del dialogo e della condivisione, il suo rapporto con i cittadini ed i colleghi degli altri comuni e degli altri enti, il suo senso di responsabilità, il suo saper essere trasversale attirando la stima e la fiducia di tutti, la sua visione ampia di una Versilia che deve crescere insieme ed affrontare le sfide di una terra che chiede unità e politiche di area vasta fondate su prospettive di crescita e di sviluppo. Con la sua azione ha inciso positivamente su tutti i temi, dall'ambiente alla sanità, dalla gestione del servizio idrico a quello dei rifiuti, dal turismo, al rilancio dell'economia, delle imprese e della cultura".

Leggi tutto...

D'Ambrosio: "No ad assi è irresponsabile"

dambrosiosindaco"Assi viari: cancellare un progetto strategico per il territorio, oltretutto già in parte completamente finanziato, sarebbe irresponsabile, un vero e proprio danno alla nostra comunità". La pensa così il sindaco di Altopascio, Sara D'Ambrosio, dopo la polemica innestata dalle dichiarazioni del capogruppo in Regione del Movimento Cinque Stelle, Giacomo Giannarelli.

Leggi tutto...

Dal comitato un appello per ricostruire le giornate rosse del 1920

torre matilde piazza mercatoUn appello per raccogliere notizie e testimonianze sulle Giornate Rosse del 1920. È quello che arriva da Andrea Genovali del comitato 2 maggio 1920.
"Le Giornate Rosse del 1920 - dice - rappresentano una pagina volutamente dimenticata della città. Ma dopo 98 anni finalmente, in quersto mese di maggio da poco trascorso, il consiglio comunale dietro proposta del Comitato 2 Maggio e di altre realtà viareggine fra le quali Officina Dada Boom, Fondazione Caprili e Viareggiok, ha approvato di inserire piazzetta 2 maggio 1920 nella toponomastica della città. Lo spazio si trova di fronte alla torre Matilde, altro simbolo prestigioso della città. Il motivo di questa lettera, però, è quello di chiedere agli abitanti di Viareggio se sono in possesso di testimonianze, ricordi, ricordi di familiari che hanno vissuto quelle giornate del maggio 1920 o se esistono ancora discendenti diretti di quegli antichi rivoltosi che possano dare il loro contributo alla ulteriore conoscenza di quei fatti. Insieme a Renato Gérard, nipote di Renato Gino Gérard, uno dei capi delle rivolta abbiamo ricostruito la vita di questo rivoltoso grazie ai suoi ricordi di famiglia e alle ricerche d'archivio. Sarebbe molto bello se si facessero avanti discendenti di altri protagonisti di quelle giornate. Nel libro Ali per sognare. Vita appassionata di un anarchico viareggino abbiamo ricostruito sia la vita di Renato Gino Gérard che di quella del suo fraterno amico, e anch'egli rivoltoso, Guerrino Fancelli che aveva una mescita di vino appena sceso il ponte girante".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter