Menu
RSS

Ecomafie, Toscana al sesto posto in Italia

  • Pubblicato in Cronaca

legambientemafieUn boom di sequestri, arresti, denunce e infrazioni accertate. Nonostante nella lotta contro le ecomafie si stia percorrendo la strada giusta con la legge in vigore sugli ecoreati, ci sono ancora molte criticità da affrontare e sanare. I numeri e le storie del Rapporto Ecomafia 2018 sono stati presentati oggi (13 luglio),  a Legambiente, con la partecipazione di Fausto Ferruzza, presidente di Legambiente Toscana, Nino Morabito, coordinatore nazionale ambiente e legalità di Legambiente, don Andrea Bigalli, referente regionale di Libera e del colonnello Luigi Bartolozzi, comandante dei carabinieri forestali di Firenze.
Nel merito, la Toscana mantiene la posizione più alta in classifica tra le regioni del centro-nord e resta stabile al sesto posto nella classifica nazionale, subito dopo quelle a tradizionale presenza mafiosa: Campania, Calabria, Sicilia, Puglia e Lazio. A parlare ancora una volta sono i numeri: 2138 infrazioni accertate (corrispondenti al 7,1 per cento sul totale dei reati accertati su scala nazionale). In linea generale, quest’anno si registra un peggioramento nel settore del cemento illegale (sale dal settimo al sesto posto) e in quello dei rifiuti dove, sempre in negativo, sale dal sesto al quarto posto nella classifica italiana. Peggiora lo status toscano anche su archeomafie e incendi dolosi.

Leggi tutto...

Parcheggi, mercatini e riqualificazioni, appello dei commercianti ai candidati di Pietrasanta

Foto centro storico con opera SorensenA pochi giorni ormai dalle elezioni comunali a Pietrasanta, il portavoce del Centro commerciale naturale di Confcommercio Le botteghe di Pietrasanta, Stefano Sermattei, coglie l’occasione per inviare a tutti i candidati sindaco una serie di proposte/richieste che riguardano vari aspetti dei comparti del turismo e del commercio, ma non solo.

Leggi tutto...

Pari opportunità: i 20 nomi proposti per la commissione

Ilaria VietinaÈ terminato nei giorni scorsi il lavoro della commissione speciale istituita dal consiglio comunale di Lucca per individuare le componenti della commissione per le pari opportunità. Sono state 40 le candidature e autocandidature pervenute al Comune e, fra queste, la commissione ha individuato 20 nomi di cittadine e di donne appartenenti alle associazioni datoriali e sindacali, alle organizzazioni di terzo settore, ai partiti politici e agli ordini professionali, così come stabilito dal regolamento per le pari opportunità. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter