Menu
RSS

Fns Cisl: "Aggressioni in carcere, più personale e meno sovraffollamento"

carcereluccaProvvedere a rafforzare l'organico della polizia penitenziaria e risolvere il problema del sovraffollamento del carcere. E' quanto chiede Fns Cisl in una lettera inviata al direttore del San Giorgio, dopo le aggressioni degli ultimi giorni.
"Rinnoviamo - si legge nella lettera - la nostra solidarietà e vicinanza ai colleghi rimasti feriti e chiediamo alla Direzione assicurazione circa il fatto che siano prontamente attivate le procedure anche amministrative per il futuro riconoscimento delle lesioni subìte. Contestualmente è necessario che la direzione rivendichi, così come anche il Sindacato sta facendo, l’assegnazione di personale dei ruoli degli ispettori e dei sovrintendenti di cui la casa circondariale di Lucca soffre una gravissima carenza in servizio. Infatti rispetto al decreto ministeriale che fissa per Lucca la previsione di 10 ispettori e 14 sovrintendenti, risultano effettivamente in forza al carcere solo 3 - 4 unità, questione che costringe il ricorso al personale del ruolo agenti e assistenti a svolgere servizi di più elevata responsabilità, pur non essendo sostanzialmente sottoufficiali”.

"Ma l’aspetto più grave - prosegue Fns Cisl - è quello che vede permanere a Lucca un sovraffollamento detenuti di circa il 38% in più della capienza regolamentare. A questo si aggiunge che, nonostante i recenti impegni dell’amministrazione penitenziaria (il capo del Dap ha assicurato che i responsabili di aggressioni al personale saranno spostati dal carcere dove si rendono protagonisti dei fatti) nulla accade ed un ristretto numero di detenuti continua ormai da mesi a rendersi protagonista a Lucca di questi gravi fatti, rimanendo nello stesso carcere, nello stesso reparto, come se niente è successo. Leggiamo di varie dichiarazioni negli ultimi giorni, che indicano che si potrebbero introdurre nuovi strumenti ed altro ancora, ma per contrastare questi atteggiamenti violenti serve intanto ripristinare una certezza sanzionatoria disciplinare soprattutto verso i più riottosi, scelta che l’Amministrazione ha abbandonato di fare da anni. Per questo la Fns Cisl ha nei giorni scorsi salutato con favore questa inversione di gestione proposta dal nuovo capo dfipartimento nella recente riunione con i sindacati della polizia penitenziaria. Adesso, anche il presidente Basentini, dimostri che dalle parole si passa ai fatti".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter