Menu
RSS

Aggredita nell'auto senza motivo da un malvivente

poliziaindaginiluccaE' stata aggredita da un giovane di origini africane mentre si trovava ferma all'interno della sua auto, nei pressi di una piscina a Sant'Anna. E' quanto ha denunciato una donna di 39 anni che stamani (16 aprile) è stata prima schiaffeggiata e poi colpita alle braccia dal malvivente, senza un apparente motivo.
Un caso che richiama, inevitabilmente, un'altra aggressione avvenuta l'11 aprile scorso, nel quartiere di San Concordio. Anche in quel caso era stata aggredita una donna di circa 50 anni, ferma nell'auto con il finestrino abbassato nei pressi di una banca (Leggi). A denunciarlo era stato Fabio Barsanti, consigliere comunale di Casapound. 

Anche il caso di stamani sarebbe avvenuto in pieno giorno e mentre stavano transitando le auto. Stando alla denuncia che nel pomeriggio la vittima ha formalizzato in questura, era poco prima di mezzogiorno quando si è trovata di fronte quell'uomo in preda come ad un raptus.
La quarantenne, sempre stando al suo racconto, si trovava seduta al posto del conducente e aveva abbassato il finestrino. L'auto era a motore spento e lei stava in attesa. All'improvviso, si è avvicinato il giovane che l'ha colpita al volto. Uno schiaffo violento.
Lei si è messa a gridare, cercando di tirare su il vetro del finestrino per sfuggire al suo aggressore, che nel frattempo però avrebbe cercato di impedirglielo, colpendola anche sulle braccia.
A nulla sono servite le grida sempre più forti della donna: nessuno ha sentito, nessuno si è fermato a prestarle aiuto.
Così, quando è riuscita a divincolarsi e ad allontanarsi dal parcheggio si è diretta al pronto soccorso dell'ospedale San Luca. I medici le hanno prestato le cure del caso e l'hanno dimessa con una prognosi di cinque giorni.
Con il referto, in giornata, si è presentata in questura per denunciare. Adesso gli investigatori stanno cercando elementi utili per le indagini e per individuare l'aggressore.
Ancora poco, al momento, per mettere in relazione l'episodio di oggi con quello denunciato nemmeno una settimana fa a San Concordio. Di sicuro, alcuni particolari combaciano perfettamente con il precedente.
La quarantenne è riuscita a dare una descrizione piuttosto precisa del suo assalitore, mentre si cerca ancora di capire quale possa essere stato il movente dell'aggressione. Soltanto apparentemente sembrerebbe trattarsi anche in questo caso di un atto senza alcun preciso motivo, di un inspiegabile raptus di violenza ma la polizia sta cercando comunque di mettere insieme i pezzi del puzzle per dare un nome e un volto al malvivente.

Rob. Sal.

Ultima modifica ilLunedì, 16 Aprile 2018 20:09

1 commento

  • Eugenio
    Eugenio Martedì, 17 Aprile 2018 07:39 Link al commento

    Tambellini, non dici niente? Sono convinto che se un italiano avesse colpito un extracomunitaria a quest’ ora ci sarebbero sedute del consiglio comunale per il nefando fatto e forse anche cortei dei soliti noti...

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter