Menu
RSS

Reinserimento infortunati, sì al protocollo Regione-Anmil

griecoSul tavolo la formazione e il lavoro, declinato sulla sicurezza e soprattutto sul collocamento lavorativo dei soggetti svantaggiati, con particolare riferimento al reinserimento dei lavoratori infortunati, come recita l’interrogazione della consigliera Lucia De Robertis. Con l’interrogazione, si chiede alla giunta se intenda sottoscrivere un protocollo di intesa con l’Associazione nazionale fra lavoratori e invalidi del lavoro (Anmil). Un protocollo che faccia proprie le proposte definite da Anmil in materia di ricollocazione degli infortunati, di attività di prevenzione dei rischi sui luoghi di lavoro e di malattie professionali fra i lavoratori e le scuole, magari sottoforma di servizi di orientamento, di testimonianze dirette di incidentati, di iniziative formative rivolte agli studenti delle scuole superiori.

Leggi tutto...

Fratoni: "Presto modifica del piano ambientale ed energetico regionale"

Federica FratoniLe linee guida per l’identificazione delle aree non idonee all’attività geotermoelettrica in Toscana (documento approvato con delibera della giunta regionale nel maggio 2017) hanno portato la consigliera Monica Pecori a interrogare la giunta regionale, per sapere quanti e quali Comuni hanno provveduto ad inviare le proposte su tali aree e quindi conoscere l’esito delle valutazioni della Regione.

Leggi tutto...

Sanità, l'assessore difende la nomina di Monica Calamai

consiglioreg"La selezione pubblica messa in atto per la scelta del direttore del settore Diritti di cittadinanza e coesione sociale della Regione Toscana è in ossequio a una consolidata prassi e risponde a criteri di trasparenza, ma non è vincolante. Il presidente della Regione può decidere liberamente e scegliere anche al di fuori della rosa delle candidature presentate". È l’assessora regionale alla salute a rispondere in Aula a due interrogazioni presentate, una da Andrea Quartini e l’altra da Giovanni Donzelli, sull’annuncio anticipato della nomina di Monica Calamai alla direzione regionale di quel settore. L’assessora cita il testo unico sull’organizzazione del personale: "i direttori delle Direzioni di giunta - è stato spiegato - possono essere scelti oltre che tra i dirigenti regionali anche tra soggetti esterni, purché dotati di professionalità adeguata e purché abbiano svolto incarichi dirigenziali per almeno cinque anni in enti o aziende pubblici o privati. Il presidente ha piena facoltà di scegliere liberamente e non è tenuto a dare motivazione nel merito della sua decisione. Ogni considerazione manifestata legittimamente in itinere, anche pubblicamente, ha proseguito l’assessora, non è in alcun modo vincolante, né inficia la validità del procedimento. È lo stesso presidente della Regione a concludere la procedura, nominando il candidato più idoneo".

Leggi tutto...

Dipendenza dal gioco, approvata la nuova legge regionale

slotmachineVia libera a maggioranza (28 voti a favore, nessun voto contrario, astenuto il gruppo della Lega) alla legge su prevenzione e contrasto delle dipendenze da gioco d’azzardo patologico. Le nuove norme, già frutto di un lungo lavoro in commissione rimarcato nel dibattito e precisato da Stefano Scaramelli – ritirati altri due testi di legge presentati da Marco Stella e da Serena Spinelli, convenuti sul lavoro condiviso nell’organismo consiliare – sono state illustrate all’assemblea. La consigliera Spinelli ha ricordato le ragioni di competenza che limitano l’azione della Regione. La Toscana si era già dotata di legge sul contrasto del gioco d’azzardo patologico (2013), ha istituito dell’Osservatorio (votato dal Consiglio) e comunque fin da prima aveva intrapreso l’attività di formazione degli operatori. Con la normativa al voto, cui ha collaborato anche Anci, si scende nello specifico delle azioni che si accompagnano all’azione preventiva, fermo restando che le licenze non le rilascia la Regione e che la cosa migliore resta quella di non giocare.

Leggi tutto...

Regione, niente Conferenza anti-mafia

consiglioregIl Consiglio regionale non ha approvato la proposta di legge del gruppo Movimento 5 Stelle – illustrata in aula dal presidente della commissione Affari istituzionali - che prevedeva l’istituzione, presso l’assemblea toscana, di una Conferenza permanente antimafia regionale, quale organo di tutela e di garanzia contro le infiltrazioni mafiose. Organo con finalità conoscitive e di analisi dei fenomeni delle mafie e delle altre associazioni criminali in Toscana.

Leggi tutto...

Partecipate: bocciate le richieste di modifica del M5S sulle nomine

consiglio regionale1Arriva una bocciatura da parte Consiglio regionale ad una proposta di legge del Movimento 5 stelle che chiedeva alcune modifiche procedurali sulle nomine dei componenti di enti dipendenti e società partecipate, prevedendo la parità di genere anche per le candidature relative agli organi di controllo contabile. La proposta di modifica eliminava anche la facoltà dei presidenti dei gruppi consiliari e dei singoli consiglieri di presentare candidature. Ed ancora, come ha ricordato il presidente della commissione Affari istituzionali Giacomo Bugliani illustrando l’atto, si limitava ad uno l’incarico di membro effettivo in collegi sindacali e organi di controllo, così come veniva esteso il conflitto di interesse di eventuali incarichi anche al coniuge, parenti ed affini - entro il secondo grado - di giudici costituzionali, magistrati, avvocati o procuratori dell’avvocatura dello Stato o di altri enti pubblici.

Leggi tutto...

Fondazione Sistema Toscana: nel 2016 perdite per 660mila euro

consiglio regionale1È stata approvata a maggioranza la proposta di delibera per l’approvazione del bilancio d’esercizio 2016 della Fondazione Sistema Toscana, nata per la realizzazione di un sistema integrato di comunicazione multimediale per promuovere la specificità, i punti di forza e di attuazione che distinguono l’identità e l’immagine della Toscana. Bilancio che registra una perdita di esercizio di 660mila 789 euro, dovuta a minori entrate e ricavi e alla svalutazione di alcuni crediti inesigibili. Il segno meno registrato nel 2016 va in controtendenza rispetto al 2015, in cui c’era stato un utile di 1329 euro.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Newsletter