Menu
RSS

Rapinano boutique di lusso: due in manette

  • Pubblicato in Cronaca

2d902fb4 50a9 4546 acf1 09d665eb0450Sono entrati in una boutique di lusso a Forte dei Marmi, fingendosi clienti e poi hanno preso una borsa griffata del valore di 4.500 e si sono allontanati come se nulla fosse. I due però non sono passati inosservati alla commessa che è uscita e li ha inseguiti. Ma quando i due se ne sono accorti l'hanno spintonata e fatta cadere a terra. Sono stati entrambi rintracciati e arrestati dai carabinieri anche grazie ad un passante che è riuscito a fermarne uno. E’ accaduto oggi pomeriggio (19 maggio): in manette sono finiti Marko Erdoglija, 30 anni,di origini serbe, e Mirjana Bubalo, 26 anni croata. Sono accusati di rapina impropria in concorso.

Leggi tutto...

Minaccia e picchia i carabinieri: “Vi ammazzo tutti”

  • Pubblicato in Cronaca

carabinieri NOTTE1Prima afferra al collo la compagna e le sferra un pugno, poi, quando arrivano i carabinieri li minaccia dal balcone di casa: "Se scendo, vi ammazzo tutti". Un 45enne originario di Firenze è finito nei guai per violenza, minacce e resistenza a pubblico ufficiale dopo l'intervento dei militari ieri sera (18 maggio) all'abitazione dove l'uomo vive insieme alla compagnia di 32 anni, a Torre del Lago.
Non contento delle minacce, quando è sceso all'ingresso dove la convivente stava raccontando ai militari di essere stata aggredita dal fidanzato, l'uomo, in preda ai fumi dell'alcol, ha continuato ad offendere i carabinieri poi dopo aver fatto qualche passo a piedi seguito dai militari che stavano cercando di calmarlo, si è voltato e ha mimato la posizione del pugile. Subito dopo ha estratto dalla tasca un coltello a serramanico e ha minacciato tutti. I militari a quel punto lo hanno bloccato, non senza fatica.

Leggi tutto...

Accusato di abusi sulle nipoti, trovato morto in casa

  • Pubblicato in Cronaca

soccorsiTragedia in Versilia. Si spara alla testa in casa con un fucile da caccia. I carabinieri di Lido di Camaiore dopo aver sfondato la porta d’ingresso lo hanno trovato morto con il cranio sfracellato da un colpo di fucile che si sarebbe sparato da distanza ravvicinata. Questa la raccapricciante scena che i militari dell’arma hanno riscontrato in un’abitazione della cittadina della costa versiliese nella mattinata di ieri (16 maggio). L’uomo di mezza età si sarebbe tolto la vita già da alcune settimane, stando a una prima ricostruzione, ma solo gli esami autoptici potranno chiarire meglio i contorni della macabra vicenda. Ma c’è di più. Nel mese di gennaio le due figlie dell’uomo che si sarebbe tolto la vita avevano ottenuto dal giudice del tribunale il divieto di avvicinamento del loro padre alle nipotine di 9 e 11 anni, per presunte molestie sessuali.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it 

telefonoicona telefono 346.6194740

Libri

Giornalismi

Diritto per tutti

Newsletter