Menu
RSS

M5S Viareggio: "Asse di penetrazione, questione a Bruxelles"

paciliobruxellesIl consigliere del M5S Viareggio, Annamaria Pacilio, torna sulla questione dell'asse di penetrazione, affermando che il progetto sarebbe finito sotto la lente di ingrandimento dell'Ue. "Nei primi giorni di dicembre - ricorda - sono andata a Bruxelles per porre il progetto dell'autostrada del mare all'attenzione dell'Europa. Ho parlato a lungo con il vice presidente del Parlamento Europeo, Fabio Massimo Castaldo, e dal colloquio è scaturito un lavoro che vedrà coinvolti anche alcuni suoi stretti collaboratori specializzati sull’argomento. Stiamo parlando di quella Europa che ha previsto la partecipazione degli Stati appartenenti all'Unione per contribuire alla costruzione di Natura 2000, il principale strumento della politica dell'Unione Europea per la conservazione della biodiversità. Natura 2000 è, infatti, una rete ecologica diffusa su tutto il territorio europeo per garantire il mantenimento a lungo termine degli habitat naturali e delle specie di flora e fauna minacciati, o rari, a livello comunitario. Con l'obiettivo non è solo quello di conservare gli habitat naturali, ma anche quelli seminaturali (come le aree ad agricoltura tradizionale, i boschi utilizzati, i pascoli, ecc.), ovvero le aree maggiormente sottoposte all'attività umana. All'interno di tale programma, gli Stati membri sono invitati a mantenere - o all'occorrenza sviluppare - tali elementi per migliorare la coerenza ecologica della rete Natura 2000".

Per la consigliera, quindi, la constazione conseguente è inevitabile: "Tutto questo - spiega - mal si coniuga con la decisione siglata dall'amministrazione Del Ghingaro di voler attuare un'opera di impatto devastante su un territorio che insiste ai bordi di un'area protetta. Operazione che sicuramente avrà notevoli effetti su una larga porzione di territorio andando ad alterare equilibri già di per sé precari e gestiti a fatica per la odierna attività umana sul territorio. Una partita molto delicata che si gioca ogni giorno, sulla quale appunto si vuol mettere il carico da novanta del maxi intervento dell'asse di penetrazione. Non ci dimentichiamo per esempio che già il piano di zonizzazione acustica comunale indicava una fascia interna al Parco interessata da un inquinamento acustico non confacente ai parametri richiesti all'interno di un'area protetta, come ho rimarcato durante l’ultimo Consiglio Comunale. Dunque invece che proteggere e migliorare le condizioni di quelle aree e di quei siti andando avanti sulla strada tracciata dall'Europa, si preferisce cementificare e stravolgere un territorio in nome di uno sviluppo che non necessita di questa opera faraonica, mancando i presupposti per i quali invece tale opera è invocata e per la quale si richiede un tale sacrificio di consumo del territorio, che sono quelli di dare maggiore impulso all'area portuale, fortemente ridimensionata per questioni logistiche, legate alla poca profondità dei fondali, al recente spostamento di numerose attività per la mancanza di spazi adeguati, e per l'inconsistente valenza turistico commerciale di un porto ridotto ai minimi termini per quanto riguarda la qualità delle attrezzature e dei servizi".
Pacilio prosegue evidenziando che "Per le aree protette e per le aree contigue esistono specifici vincoli e leggi legati alla loro determinazione e per la loro manutenzione, che vanno ad incidere sulle scelte urbanistiche che direttamente o indirettamente le possono interessare. Da qui la necessità, quando si va a toccare certi equilibri delicati, di una valutazione di incidenza. Se non ce l'abbiamo diventa persino inutile iniziare a parlare di una tale opera, per di più quando al momento abbiamo in mano solo una valutazione di impatto ambientale relativamente al piano del porto che tra l'altro ha dato un parere negativo al progetto. Anche solo lambendo queste aree ci chiediamo come non possa un intervento di tale portata interessarle seppur indirettamente e quindi riversare su di esse i propri effetti devastanti. Siamo solo all'atto di indirizzo dell'asse di penetrazione, ma il Movimento 5 Stelle si è già mosso con i propri rappresentanti in commissione, i quali stanno lavorando per verificare l'opportunità di impugnare il progetto davanti alla Corte Europea, il che potrebbe generare un'infrazione comunitaria da parte di quella Europa dalla quale abbiamo ricevuto i finanziamenti per la tutela e il miglioramento di quelle are. Le stesse che il nostro sindaco vorrebbe invece deturpare. Voglio inoltre ricordare la questione del taglio selvaggio dei pini costato di recente multe a sindaco e aziende appaltatrici per la mancata corrispondenza dei lavori effettuati rispetto al nullaosta rilasciato dall'Ente Parco ed alle norme forestali vigenti. Nullaosta che anche in questo caso fissava regole ferree ed imponeva particolare attenzione e sorveglianza nell'azione costata invece il taglio di essenze di pino ancora in vegetazione. Risultato procurato: un ulteriore danneggiamento dell'ambiente naturale sottoposto a particolare tutela, e affari d'oro a chi ha venduto il legname senza neppure rispettare la clausola del contratto siglato con il comune che prevedeva un report quantitativo del materiale legnoso asportato. Con il vice Presidente Castaldo, infine, ho parlato anche di altre vicende legate allo sviluppo del nostro territorio, al lavoro e alla sicurezza. Non appena ci saranno risposte più concrete sarà cura del Movimento Cinque Stelle, e mia come portavoce in consiglio comunale, dare conto di tutti i passaggi".

 

Ultima modifica ilMercoledì, 13 Dicembre 2017 18:35

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter