Odissea per il cambio di gestore telefonico: risarcita

Ha firmato il contratto per il cambio di gestore telefonico e per l’attivazione del servizio voce ed internet ma oltre a rimanere senza attivazione, ha continuano a ricevere le bollette della compagnia precedente. E’ accaduto ad una donna di Lucca, che dopo aver proposto diversi reclami al servizio clienti si è rivolta alla Federconsumatori che ha risolto il problema.

“La nostra associazione – spiega Fabio Coppolella, presidente provinciale della Federconsumatori – ha proposto reclamo ai due gestori telefonici, contestando il ritardo nella migrazione dell’utenza e le fatture per il servizio non utilizzato. Successivamente – prosegue Coppolella – abbiamo attivato la procedura di conciliazione obbligatoria, al Co.Re.Com. Toscana, chiedendo la risoluzione del rapporto con il precedente gestore, senza addebito di costi o penali e l’annullamento delle fatture, oltre alla corresponsione degli indennizzi per tutti i disservizi subiti dall’utente”.
In sede di udienza di conciliazione, sono state accolte tutte le richieste, con la risoluzione del rapporto contrattuale, lo storno integrale delle fatture e l’indennizzo di 600 euro per i ritardi ed i disservizi subiti dall’utente.
Per informazioni ed assistenza, in caso controversie con i gestori telefonici, è possibile rivolgersi alla sede provinciale della associazione (Lucca, S. Anna, viale Luporini1115/F – Tel. 0583/44.151; e-mail: federconsumatorilucca@gmail.com).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.