A Villa Paolina il catalogo degli arredi napoleonici foto

Grande successo di pubblico questa mattina (7 gennaio) a Villa Paolina per la presentazione del libro edito da Maria Pacini Facci Le stanze della Principessa – arredi preziosi a Villa Paolina. Il giornalista Adolfo Lippi ha coordinato gli interventi del vicesindaco Valter Alberici, dell’assessore alla cultura Sandra Mei, dell’antiquaria Renata Frediani e del giornalista e storico Iacopo Lazzareschi Cervelli per il finissage di una esposizione che ha registrato un grande successo di pubblico e di critica e che soprattutto ha permesso di riaprire al pubblico la sale nobili della villa napoleonica. 

Il volume è un prezioso catalogo che accompagna e corona l’esposizione di arredi napoleonici supportata da importanti sponsor privati (Studio Sgro, Club Nautico, Tecnopool, Zurich srl, Pacini Fazzi editore) e curata dall’antiquaria lucchese Renata Frediani e promossa dal Comune di Viareggio. Il volume vede una ricca galleria realizzata dal fotografo Lucio Ghilardi.
La mostra a Villa Paolina ha registrato un grande successo di pubblico, ha ospitato oltre 2mila visitatori e si completa ora con un lavoro accurato che non si limita alla presentazione degli arredi accompagnati dal testo di Renata Frediani, ma allarga la narrazione alla figura di Paolina e al contesto storico in cui la villa è stata fondata e ha preso vita: un omaggio alla affascinante figura della principessa Bonaparte Borghese di cui il volume offre un prezioso ritratto tratteggiato dallo storico e giornalista Iacopo Lazzareschi Cervelli. Un ritratto in cui il rapporto con la città di Viareggio, definita “porto del destino” si completa di notizie e di aneddoti legati sia a Paolina che all’amato e potente fratello, ricostruendo l’immagine-mito dell’affascinante Principessa, della sua bellezza, del suo amore per l’arte e la musica, la sua passione per tutto ciò che è bello, i suoi amori.
La mattinata è stata allietata inoltre dalla partecipazione del tenore Giovanni Cervelli che con la sua voce ha spopolato al programma Tu si que vales.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.