M5S: “Ascit, 1100 aziende hanno diritto al rimborso”

Il Movimento 5 Stelle di Capannori afferma oggi (10 febbraio) che le aziende che hanno i bidoni della raccolta indifferenziata potranno ottenere il rimborso inerente alla parte variabile della tariffa rifiuti puntuale, fin dalla sua attivazione (ovvero dall’anno 2013, ndr) ed anche per gli anni successivi 2014, 2015 e 2016: per sapere come fare è sufficiente richiedere informazioni inviando una e-mail all’indirizzo consiglieri@capannori5stelle.it. “Gli amministratori, i consulenti legali e commerciali delle aziende – si legge – verranno messi a conoscenza delle sentenze della Commissione tributaria provinciale di Lucca che certificano quanto da noi affermato e sostenuto. Ricordiamo infatti che la tariffa rifiuti è formata da 2 componenti, la parte fissa (calcolata sui mq anche per le utenze non domestiche) e la parte variabile (calcolata sul numero degli svuotamenti dei bidoni dell’indifferenziata). Accertato che Ascit non si è attenuta alle disposizioni impartite dal Comune, è stato riconosciuto quasi l’azzeramento di quanto pagato. Noi facciamo informazione utile sia alla cittadinanza e sopratutto a chi produce ed investe sul territorio: cose concrete supportate da documenti e non chiacchiere autocelebrative”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.