Tante iniziative per la giornata della sindrome di Down

In occasione della tredicesima edizione della giornata mondiale della sindrome di down indetta dall’Onu ogni 21 marzo l’associazione Down Lucca, Andare oltre si può e CoorDown, raggruppamento di sessanta associazioni italiane che si occupano di questa disbilità, organizzano eventi e incontri per informare e promuovere l’integrazione dei ragazzi affetti dalla sindrome della trisomia 21.

“Abbiamo pensato quest’anno di affrontare il tema della scuola per diffondere il messaggio di educazione all’inclusione e integrazione – spiega Isabella Andreini, presidente dell’associazione down Lucca – ci opponiamo alla logica di scuole e lavori “speciali” per persone affette da questa disabilità poiché riteniamo possibile una vera integrazione solo coinvolgendo i ragazzi al fine di far diventare la particolarità di ognuno beneficio e ricchezza per tutti”. “La scuola è senz’altro il punto di partenza per realizzare un mondo inclusivo e aperto alla ricchezza della diversità – continua la presidente – per tutta la settimana vi saranno degli interventi di esperti al fine di sensibilizzare le scuole di ogni grado”. “Le iniziative che continueranno per tutta la settimana iniziano oggi con la presentazione del libro La Famiglia Bes di Giulia Liperini alle 17,30 al Caffè Letterario”, dichiara la presidente Andreini.
In programma c’è anche il progetto Il più grande selfie del mondo organizzato da Andare oltre si può e al quale prenderanno parte anche volti noti dello spettacolo italiano: “Luca Tommassini, Beppe Fiorello e diverse altre personalità della televisione italiana hanno deciso di mettersi a disposizione per questa iniziativa – spiega Domenico Raimondi, presidente di Andare oltre si può – la nostra associazione, nata nel 2014, è molto contenta di aver contribuito alla realizzazione di queste iniziative volte all’integrazione, alla cultura della diversità e all’accettazione delle differenze”. “Da oggi e per tutta settimana sarà possibile visitare anche una mostra fotografica dal titolo andare oltre la disabilità – interviene Monica Lunardi, educatrice dell’associazione down Lucca – l’Antica Drogheria ospiterà questa esposizione fotografica a cura della fotografa Erika Pellicci. Stasera invece dalle 19,30 alle 22 rimarrà aperta Casa+ e sarà possibile cucinare e cenare insieme ai ragazzi in spirito di convivialità e condivisone”.
“Casa+, che si trova in via dello stadio 33 a San Marco, è la sede principale dei percorsi di educazione all’autonomia – continua l’educatrice – la nostra associazione porta avanti numerose attività, come il laboratorio di cucina, con l’obiettivo di far sviluppare nei ragazzi, attraverso un approccio esperienziale, le competenze necessarie per potersela cavare nella vita di tutti i giorni”. “Finché dividiamo il mondo in categorie non sarà mai possibile una reale integrazione – interviene infine Isabella Falugiani, presidente di CoorDown – l’azione CoorDown è volta rivalutare l’eterogeneità come una ricchezza e anche noi crediamo che la convivialità e la condivisione a scuola e nei luoghi di lavoro sia fondamentale per un reale inserimento delle persone affette da questa disabilità”.
Un giropizza solidale al circolino Acli di Santa Maria a Colle concluderà le attività della settimana. Il costo della serata, il cui ricavato andrà a sostegno del percorso di autonomia dei ragazzi affetti dalla sindrome di down, sarà di 20 euro comprensivo di bibita e caffè.

Matteo Petri

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.