Si denuda e cerca di adescare bimbi, paura in campeggio

Più informazioni su

Pomeriggio di paura in un campeggio della Versilia. Alcuni giorni fa il proprietario di una struttura della costa e un gruppo di genitori, infatti, hanno richiesto l’intervento della polizia per un episodio che era appena successo. Alcuni bambini, di età compresa tra i 9 e i 12 anni, stavano giocando tranquilli quando un uomo di mezz’età si è denudato davanti ai loro occhi innocenti, compiendo anche atti di autoerotismo. Ma il momento peggiore si è verificato quando l’orco ha chiesto a due di loro di seguirlo in un posto più appartato, senza riuscirci.

Una mamma che stava seguendo da lontano il momento ludico dei bambini si è accorta che c’era qualcosa che non andava. Troppa agitazione anche per un gruppo di bimbi chiassosi che giocano. Alla vista del genitore l’uomo si è allontanato e i ragazzi hanno iniziato a raccontare cosa era accaduto, l’incubo ad occhi aperti che avevano vissuto. A quel punto è stata la donna a mettersi a urlare e a chiamare aiuto con tutto il fiato che aveva in gola, e gli altri genitori si sono precipitati sul posto. Anche i responsabili della struttura hanno reagito immediatamente alla richiesta di soccorso.
I genitori si sono occupati in primis dei bambini ma poi è scattata anche inevitabilmente la caccia al ‘mostro’ ma di lui nessuna traccia. L’orco era riuscito a darsi alla fuga approfittando proprio del panico che si era letteralmente scatenato tra tutti i presenti.
La polizia è arrivata in pochi minuti e ha raccolto le testimonianze di tutti avviando le ricerche dell’uomo. Dall’identikit fornito gli investigatori hanno battuto in lungo e in largo l’intera zona alla ricerca dell’uomo, ma nulla da fare. Ora investigatori e inquirenti sono sulle sue tracce.
Per fortuna i bambini non hanno seguito l’uomo e agitandosi e gridando hanno attirato l’attenzione di uno dei genitori che poi ha dato l’allarme. Spaventati sono stati rassicurati e tranquillizzati e hanno fornito elementi fondamentali, con il loro coraggioso racconto, degli squallidi episodi a cui erano stati costretti ad assistere, ai fini delle ricerche.
L’uomo. qualora individuato, rischia una condanna severa e l’arresto. L’inchiesta prosegue per far piena luce su quel pomeriggio da incubo in Versilia con il fine assicurare alla giustizia il ‘mostro’ del campeggio.

Vincenzo Brunelli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.