‘Sinistra con’ a Barsanti: “Attacco su Sheila Cardoso immotivato”

“Il capogruppo di Casapound, Fabio Barsanti, dice che gli insulti a sfondo razzista, di cui è stata vittima Sheila Cardoso, sono “da provare”. Su che basi si mette in dubbio la testimonianza, tra l’altro sobria e pacata di una donna, che da 13 anni vive nel nostro Paese, e che ha fornito uno spunto di riflessione importante all’intera città? Per l’amministrazione comunale non esistono persone di serie A e di serie B: la dignità personale e la vita delle donne e degli uomini sono da tutelare, sempre e comunque”. Lo afferma l’associazione Sinistra con (nata dall’esperienza della lista di Sinistra con Tambellini) rispondendo a Fabio Barsanti, in merito alle sue dichiarazioni sulla vicenda che ha visto vittima, nei giorni scorsi, la ragazza di origini brasiliane. 

“Barsanti attacca il Comune -prosegue l’associazione – dicendo che avrebbe avuto un atteggiamento diverso nei confronti di Sheila Cardoso rispetto ad altre donne aggredite nella nostra città. Invitiamo il consigliere comunale ad astenersi da queste strumentalizzazioni che sono irresponsabili, perché contribuiscono ad alimentare un clima di divisione e conflittualità nella nostra comunità, che invece vuole e deve restare unita nel rispetto e nell’accoglienza. Tutti i cittadini lucchesi – si spiega nella nota – devono sapere con certezza che l’amministrazione, laddove ha potuto ricevere le generalità dalle forze dell’ordine, ha sempre contattato direttamente le donne e tutte le vittime di aggressione, esprimendo la solidarietà e la vicinanza dell’intera cittá. Naturalmente, ha rispettato ogni volta la privacy di queste persone, avendo cura di tutelare la loro legittima scelta di anonimato. Se Barsanti, o chiunque altro, può fornirci i riferimenti delle persone a cui non siamo riusciti ad arrivare, ci attiveremo immediatamente: senza dubbi o reticenze alcuni. Nel caso di Sheila Cardoso, l’amministratore ha appreso della vicenda di discriminazione dalla stampa, e ha inteso valorizzare una testimonianza composta e disinteressata. Davvero Barsanti crede, o vuol far credere, che il Comune non sia dalla parte delle vittime, sempre e comunque? – conclude l’associazione Sinistra con – Solo insinuare questo sospetto, infondato e immotivato, è un modo di fare politica a nostro avviso pericoloso: che non appartiene alla comunità lucchese, e al suo stile che da sempre è rispettoso, sobrio, e accogliente nei confronti di tutte e tutti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.