Auto in mare in Darsena: interviene la Capitaneria

Allarme questa mattina, intorno alle 8,30 in capitaneria di porto a Viareggio, quando alla sala operativa è giunta la segnalazione, da parte del comandante di uno yacht, di una autovettura finita in mare. La macchina, una Fiat 500 L presa a noleggio, era parcheggiata nelle vicinanze del ristorante Il porto sulla banchina Antonini, al termine di via Coppino.

Improvvisamente, per un presumibile malfunzionamento o non corretto azionamento del freno a mano, l’auto ha cominciato a muoversi seguendo la leggera pendenza del manto stradale, passando tra i dissuasori presenti a ciglio banchina e terminando la sua corsa nelle acque portuali. In pochi minuti, l’auto si è inabissata alcuni metri più avanti, a fianco di un M/Y Perini regolarmente ormeggiato.
Immediatamente si è attivata la catena dei soccorsi e sul luogo dell’incidente sono giunti i militari dell’Ufficio Nostromi ed una motovedetta della Guardia Costiera viareggina, oltre ad una pattuglia della Polizia Municipale. Una volta appurato che non vi fossero persone all’interno dell’abitacolo ed individuato il conducente dell’autovettura (un 32enne di Napoli, a Viareggio per lavoro) sono iniziate le operazioni di recupero, con il qualificato intervento di sommozzatori e di una ditta locale mediante autogru. La tempestività dell’intervento ha scongiurato ipotesi di inquinamento e danni all’ambiente marino circostante, consentendo in poco tempo di garantire la sicurezza della navigazione e degli operatori portuali nell’area interessata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.