Integrativo Snaitech, Fiom: “Una provocazione”

Dopo la firma dell’accordo sul contratto integrativo di ieri (26 novembre) a Milano (leggi), il sindacato Fiom Cgil di Lucca ha espresso il suo commento attraverso un volantino: “Snaitech, una società appena condannata per attività sindacale – si legge – continua a mettere in atto comportamenti non corretti ed arroganti, tendenti solo a dividere i lavoratori ed a creare confusione”.

“Pensavano – continua Fiom Cgil – di poter fare ciò che volevano ma sono stati fermati, pensavano di poter disapplicare a loro piacimento il contratto dei metalmeccanici e non l’hanno potuto fare; pensavano di poter buttare fuori dall’azienda la Fiom Cgil, il sindacato di gran lunga più rappresentativo, ed invece sono stati costretti a fare i conti con il fatto che, fortunatamente, siamo ancora in uno stato di diritto”. E poi l’affondo: “L’accordo per la proroga del contratto integrativo, firmato ieri a Milano, riservato solo ai lavoratori a cui si applica il contratto dei servizi, è l’ennesima provocazione perpetrata dalla direzione aziendale di Snaitech. Non si possono fare discriminazioni fra lavoratori che operano nella stessa azienda. Non vi fate intimorire – è l’appello conclusivo del sindacato ai lavoratori – e non fatevi lusingare: hanno il solo scopo di dividervi per avere mano libera e calpestare i vostri diritti e la vostra dignità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.