Bonifiche amianto, boom di richieste a Capannori

Ha avuto successo l’iniziativa promossa dall’amministrazione comunale di Capannori per incentivare la bonifica dell’amianto presente nelle abitazioni. C’è stato un vero e proprio boom di domande per ottenere i contributi, tanto che i 20 mila euro stanziati dall’amministrazione comunale saranno completamente assegnati. Per questo la giunta guidata dal sindaco Luca Menesini sta già lavorando per riproporre il bando nel 2019.

“Sapevamo che c’era attesa per questo incentivo – spiega l’assessore all’ambiente, Matteo Francesconi – La bonifica dell’amianto è particolarmente onerosa, perché si tratta di un rifiuto altamente speciale. Il contributo messo a disposizione dalla nostra amministrazione comunale è stato quindi uno stimolo per i cittadini per realizzare interventi che portano enormi benefici ambientali. Siamo consapevoli che questa misura costituisce un ulteriore passo avanti per migliorare la qualità della vita nella nostra comunità. Per questo stiamo lavorando per replicare il bando nel 2019”.
Le domande presentate sono state 35. Adesso i cittadini dovranno fornire la documentazione richiesta per l’effettiva erogazione del contributo. Le prime liquidazioni da parte degli uffici comunali potrebbero già avvenire entro la fine del 2018. Il contributo, a fondo perduto, è riconosciuto nella misura del 60% fino a un importo massimo di mille euro per opere nelle abitazioni private e nelle pertinenze che riguardano la rimozione di materiali e lastre di copertura di fabbricati, materiali che rivestono superfici e strutture applicati a spruzzo/cazzuola, rivestimenti isolanti di tubazioni e caldaie, canne fumarie, serbatoi e pannellature isolanti per pareti o soffitti. L’amianto è stato molto utilizzato in Italia in particolar modo nell’edilizia come cemento-amianto (eternit) dagli anni Sessanta agli anni Ottanta. La relativa economicità del materiale e la sua resistenza al calore ne hanno permesso una particolare diffusione. Tuttavia le polveri che contengono fibre d’amianto, se respirate, possono portare a gravi patologie. Per questo in Italia la produzione e la commercializzazione dell’amianto sono state vietate dal 1992.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.