Donna aggredita in pieno giorno alla sortita S.Frediano

Brutale aggressione ai danni di una donna sugli spalti delle mura, nelle vicinanze della sortita San Frediano. La vittima è una donna di 33 anni, di origine nigeriana, picchiata in pieno giorno da un connazionale 20enne. A impedire conseguenze drammatiche, su segnalazione dei cittadini, l’intervento delle volanti della polizia.

I protagonisti, entrambi nigeriani, richiedenti asilo, lei alloggiata in un centro della Garfagnana, lui a Lucca, si sono incontrati fuori dalla questura, dove la donna si era recata per ritirare il permesso di soggiorno. L’uomo ha tentato subito di approcciarla, ma nonostante i rifiuti della donna, l’ha seguita fino alla sortita di San Frediano dove, dopo averle sottratto il permesso di soggiorno, l’ha ricattata con l’obiettivo di ottenere un rapporto sessuale. All’ennesimo rifiuto da parte della donna, infine, pur di averla ha cominciato a picchiarla ma la scena è stata notata da alcuni cittadini che hanno subito chiamato il 113. In pochi istanti la Squadra Volante è piombata sul posto, dove l’uomo stava ancora picchiando la donna. La donna è stata accompagnata al pronto soccorso per le cure mediche dove è stata giudicata guaribile i 15 giorni, mentre il 20enne è stato arrestato per estorsione, tentata violenza sessuale e lesioni personali, e condotto in carcere in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.