Archeologia, al baluardo S. Pietro i tesori della lucchesia

Un viaggio alla scoperta dei reperti archeologici della lucchesia. E’ l’iniziativa di sabato (16 febbraio) alle 16, alla casermetta del baluardo San Pietro, nell’ambito de I quaderni della nostra storia, il ciclo di conferenze sulla storia lucchese promosse dalla Compagnia balestrieri Lucca. Ad aprire questa edizione, l’interessante e imperdibile conferenza dal titolo Alla ricerca della Lucca perduta – i risultati dell’ultimo anno di scavi nel centro storico, in cui verranno relazionati gli ultimi scavi effettuati in città, i cui risultati saranno per la prima volta messi a conoscenza del pubblico.

 

A guidarci in questo affascinante percorso, avremo la dottoressa Elisabetta Abela, nota archeologa di grande esperienza, collaboratrice della Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana e professionista abilitata dal Ministero dei beni e delle attività culturali per i servizi di progettazione e conduzione di indagini di archeologia preventiva.
Elisabetta Abela, coadiuvata dalla sua equipe, ha condotto più di cento scavi archeologici sul territorio della Toscana, e dal 2000 lavora con continuità a Lucca e nel territorio lucchese, progettando e realizzando molte esposizione archeologiche e allestimenti museali e ricoprendo incarichi di prestigio, che sono recentemente culminati con la consulenza archeologica nel progetto di riqualificazione urbanistica del settore sud occidentale del centro storico. L’archeologa ha inoltre partecipato a importanti congressi nazionali e internazionali di archeologia e ha più di cinquanta pubblicazioni scientifiche.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.