Guardie mediche, ecco dispositivi contro aggressioni

Un dispositivo elettronico collegato all’istituto di vigilanza Sicuritalia per difendersi dalle aggressioni. E’ la soluzione adottata per rendere più sicuro il lavoro delle guardie mediche, soprattutto le donne e soprattutto di notte.

Alla luce delle recenti aggressioni, l’Ordine dei Medici si è mobilitato mettendo a punto un sistema di protezione individuale, acquistando i dispositivi per le guardie mediche.  “In questo modo – sottolinea il presidente dell’ordine dei medici Umberto Quiriconi –: vogliamo dire basta a minacce, aggressioni verbali e fisiche nei confronto dei medici che esercitano il loro servizio a favore della comunità”. Vittime soprattutto le donne medico. Ecco che allora l’iniziativa dell’Ordine dei Medici si colloca proprio alla vigilia dell’8 marzo, festa della donna. Del resto i dati – secondo quanto anticipato dall’Ordine dei medici che mercoledì prossimo (6 marzo) li diffonderà nel dettaglio, sono tutt’altro che confortanti e indicano un numero ancora preoccupante di episodi di aggressioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.