Kme, vandali su auto. Sindacato chiede telecamere

Vandali contro le auto a Fornaci, il sindacato chiede la videosorveglianza.
Atti vandalici, infatti, si sono verificati alle auto nei parcheggi Luigi Orlando e Pier Luigi Del Frate di Fornaci di Barga, abitualmente utilizzati dai lavoratori di Kme Italy ed Em Moulds. È qui infatti che lasciano propria autovettura durante il turno di lavoro. Da qualche settimana, però, si stanno verificando episodi poco piacevoli a danno delle auto dei dipendenti. “Questi episodi ci sono stati segnalati proprio da alcuni di loro che hanno subito danni e dispetti ma anche da tanti che vivono con il timore di subirlo – scrivono le Rsu Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm di Kme Italy ed Em Moulds – Inizialmente sono state fatte alcune forature a cui davano poco peso, pensando fosse una casualità. Poi, però, hanno verificato che il parcheggio Orlando era stato cosparso di chiodi e viti: quindi si è trattato di dispetti veri e propri, organizzati a spregio per recare un danno ai lavoratori”.

Un crescendo di episodi, aumentati anche di gravità: “Dal tentativo di foratura dei pneumatici sono passati ai danni alle carrozzerie, con righe e graffi lungo le fiancate di alcune auto parcheggiate al parcheggio Del Frate – proseguono le Rsu – Episodi spregevoli che vanno condannati: è inaudito che ogni giorno i dipendenti si rechino al lavoro per portare a casa lo stipendio e si ritrovino a dover spendere parte di questo per riparare le malefatte causate ai propri veicoli da persone inqualificabili. I lavoratori chiedono alla nostra rappresentanza sindacale di farsi portavoce verso le istituzioni locali e le forze dell’ordine affinché vengano intensificati i controlli in queste due aree”.
Ma l’appello è rivolto anche al Comune perché quanto sta accadendo ha superato, e di molto, il limite dello ‘sgarbo’: “Sarebbe molto importante se l’amministrazione comunale di Barga si interessasse di questi casi e predisponesse in questi parcheggi la videosorveglianza, per aumentare la sicurezza dei propri cittadini ma anche di tutte le persone che ci parcheggiano. Nel frattempo – concludono – chiediamo a Kme di accogliere la nostra richiesta, già avanzata da tempo, di creare un parcheggio per i dipendenti all’interno delle sue proprietà, e nel frattempo che utilizzi la propria sorveglianza per dei sopralluoghi nei due parcheggi durante le ore del turno notturno. Crediamo che oltre all’inciviltà ci sia molta cattiveria: ci auguriamo vivamente che questi episodi spregevoli non si ripetano e si ritorni ad una situazione di normalità. Speriamo che questa segnalazione non cada nel vuoto ma che vengano presi provvedimenti al fine di tutelare la sicurezza e tranquillità della popolazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.