Riforma 118, Marchetti (Fi): “Si riporti trasparenza sulla riorganizzazione”

Scatta l’interrogazione in Consiglio regionale riguardo la Riforma 118. A presentarla è il capogruppo di Forza Italia, Maurizio Marchetti, che ormai da giorni ha ingaggiato una battaglia di trasparenza sulla riorganizzazione del servizio di emergenza urgenza: “Si leggono cose sui giornali – spiega Marchetti – e manca ogni riscontro istituzionale. Basta con le parole in libertà e col giochino del voler dividere gli attori del soccorso con dichiarazioni a geometria variabile. Vogliamo trasparenza nel percorso, atti se ce ne sono e, altrimenti, vogliamo sapere cosa sia stato detto, quando, a chi e in quali occasioni”.

Ecco dunque il testo dell’atto di Marchetti che prende le mosse proprio da dichiarazioni stampa del 14 e del 18 marzo scorso: “Si legge – richiama l’interrogazione di Forza Italia – ‘Stefano Scaramelli non vuole firmare un assegno in bianco al volontariato’, ma la proposta di legge Pdl 345, Disciplina delle autorizzazioni e della vigilanza sulle attività di trasporto e soccorso sanitario, non è ancora stata iscritta per l’illustrazione in Terza Commissione sanità”. E ancora: “Sempre da fonti stampa sembra siano state fatte audizioni di medici ed infermieri del 118, incontro del quale non risulta traccia nell’elenco delle Hyperlink. Poi, sabato scorso – continua Marchetti – ecco via email, la lettera aperta dei medici ed infermieri che operano nel sistema dell’emergenza urgenza, con le loro preoccupazioni sulla riorganizzazione del servizio, riorganizzazione delle squadre di soccorso di cui, al momento, non appare traccia nella proposta di legge 345 sopra richiamata, tanto che all’art 4 si richiamano successive deliberazioni della Giunta in merito a ciò”. Ecco allora il filotto di quesiti con Marchetti, che alla Giunta toscana chiede di mettere nero su bianco: “Se la Giunta sia a conoscenza di tali dichiarazioni, un chiarimento su quanto affermato dal presidente della Commissione Sanità, in particolar modo sulla sua posizione sul volontariato e – conclude Marchetti – quando sarà calendarizzata l’audizione dei soggetti coinvolti dalla proposta di legge. Se la Giunta abbia effettuato audizioni o consultazioni preventive sulla proposta di legge sia coi medici che con il volontariato nell’emergenza-urgenza e, in particolare, a quale riorganizzazione del personale di soccorso si fa riferimento nella lettera dei medici e in quali atti sia rintracciabile (emendamenti, bozze di delibera o altri provvedimenti …)”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.