Ex moglie Cipollini: “Denunciato per rispetto a me”

“Questa vicenda mi ha distrutto, ma dopo l’aggressione sul luogo dove lavoro non ho avuto scelta. Ho deciso di denunciarlo per rispetto verso me stessa”. Lo dice Sabrina Landucci, ex moglie del campione del ciclismo Mario Cipollini, in un’intervista per il settimanale Oggi, in edicola da domani (28 marzo). La Pm, Sara Polino ha concluso le indagini e il 22 marzo scorso ha ottenuto che Cipollini venga processato per maltrattamenti, stalking, lesioni e minacce.

“La mia cliente ha sempre sopportato di tutto – dice Susanna Donatella Campione, legale di Sabrina Landucci – e non ha mai mirato al denaro. Tant’è vero che non ha voluto tenere l’abitazione coniugale che le sarebbe spettata e ha chiesto l’assegno di mantenimento per le figlie, ma non per sé”.
Il 6 gennaio 2017, secondo l’accusa, Cipollini si è recato nella palestra luogo di lavoro della moglie, inviato messaggi di minacce a lei e al suo nuovo compagno e poi dalle parole sarebbe passato ai fatti. “Dopo averla afferrata per il collo – hanno scritto i magistrati nelle motivazioni che porteranno al processo – le ha sbattuto la testa più volte contro il muro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.