Boschi (Casapound): “Assi viari: progetto va cambiato ma sono necessari”

Assi viari, nuovo intervento di Daniele Boschi, candidato sindaco di CasaPound Italia: “Il progetto di primo stralcio degli assi viari – dice – deve essere modificato, ma va fatto. Si tratta di una scelta infrastrutturale improrogabile, per quanto dolorosa, anche se suscettibile di profonde migliorie. Rimandarla può voler dire passare il “punto di non ritorno” per cui in futuro si potrà ricorrere solo a misure più impattanti. Già oggi dobbiamo subire le conseguenze del non aver risolto il problema degli assi viari venti anni fa. E quanto più lo rimandiamo, tanto più si insedieranno nuove attività umane nel territorio e tanto più impattante dovrà essere la risoluzione. Sia che ci si limiti ad uno studio solamente stradale, sia che si voglia prendere in considerazione anche un asse ferroviario”.

“Il progetto degli assi viari Anas tuttavia non basta – continua Boschi – esso deve inserirsi in un contesto di altre misure amministrative ed interventi quali la neutralizzazione dei pedaggi sulla A11 da Lucca ovest ad Altopascio per creare un asse est-ovest e lo studio di un asse che congiunga la via del Frizzone con la zona industriale di Salanetti e da qui il proseguimento fino alla Via Pesciatina. Le dispute di partito e campanile fra Capannori e Lucca hanno anche congelato la valutazione sul casello tra Toringo, Mugnano e Sorbano del Vescovo, con contestuale via di collegamento sul tracciato della vecchia linea ferroviaria Lucca Pontedera. Ogni punto di sviluppo non approfondito è però una perdita per il territorio nel suo complesso”.
“La nostra – conclude Boschi – è una proposta che ha una visione di insieme della viabilità stradale su tutta la piana, scevra dal capopopolismo di Menesini che ha di fatto danneggiato il dibattito fra i comuni del territorio, e all’avanguardia in confronto al miope indecisionismo di tutto il centro destra”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.