A villa Argentina la storia di Ornella Benetti, tra malattia e speranza

Una vita in prima linea è l’autobiografia di Ornella Benetti che sarà premiata domani (3 aprile) a villa Argentina a Viareggio. L’inontro con l’autrice si terrà alle 17 nell’ambito della rassegna Di Mercoledì. Scrittori e lettori sulla terrazza di Villa Argentina promossa dalla Provincia di Lucca con la presenza di Maria Teresa Landi e di Luciana Tola. Ornella Benetti, alle soglie dei sessant’anni, narra di sé e del rapporto con la malattia che l’ha colpita giovanissima.

Una malattia misteriosa all’esordio, che poi si è rivelata sempre più invadente e che, insieme a gravi errori diagnostici, ha segnato la sua vita. Senza mai darsi per vinta ha cercato di superare ogni volta il limite, ogni ostacolo che le si parava davanti, grazie a due doni che non sono mai venuti meno: il coraggio e la tenacia da un lato, una meravigliosa famiglia sempre a fianco dall’altro. Ha vissuto e vive intensamente. Ha studiato, ha lavorato, ha amato gli animali e le persone. Ha assaporato il mare e la montagna, ha viaggiato per l’Europa e oltre. Questo scritto è autobiografico nel senso più autentico del termine. E anche più doloroso. Gioia e lacrime, vittorie, sconfitte e ripartenze. È la storia di una donna che nel mettere a nudo le ferite aperte del corpo e dello spirito lancia un messaggio di grande speranza. L’evento è a ingresso libero.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.