Cei: “Uscita della Gran Bretagna da Brexit un salasso per l’Italia”

Quanto costerò ai cittadini italiani l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea? A chiederselo è Lido Cei, ad dell’azienda Ideaservice.
“Un ulteriore salasso incombe sulle cassa del nostro già disastrato paese – dice – Infatti nel periodo dal 2011 al 2017 la Gran Bretagna ha versato nelle casse della Ue circa 66 miliardi al netto di quanto ricevuto rappresentando il secondo contribuente netto. Questo “buco” dovrà in qualche modo essere chiuso attraverso una diminuzione del bilancio generale della Unione oppure una distribuzione tra tutti i paesi degli oneri mancanti. Se questo ultimo saràà il criterio adottato a noi spetterà un versamento aggiuntivo di 1,2 miliardi di euro”.

“Un ulteriore aspetto da considerare – conclude Lido Cei – saranno le ripercussioni sulle nostre esportazioni che ad oggi sono calcolabili in 23 miliardi e le importazioni ad 11 facendo risultare quindi un surplus commerciale di oltre 10 miliardi di euro. L’Italia e la Gran Bretagna sono in affari di notevole entità anche nel settore servizi finanziari e assicurativi che coinvolgono oltre 10 milioni di cittadini italiani che si troveranno nelle condizioni di cambiare banca o assicurazione, viaggiare e studiare costerà molto di più, servirà il passaporto con costi aggiuntivi, l’uso del telefonino sarà più  caro e studiare rappresenterà per i nostri giovani un vetro salasso (passando da 9250 sterline a 20mila). Concludendo si può affermare con ragionevole certezza che l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea sarà una mazzata per il nostro paese. Il bilancio comunitario saràù più povero, le nostre imprese dovranno fare i conti con tariffe e dazi doganali che le renderanno meno appetibili sul mercato inglese e laurearsi a Londra diverrà quasi impossibile. Pertanto i nostri rappresentanti cessino di fare auspici sulla Brexit e si adoperino per cercare di prevenire ulteriori difficoltà alle nostre imprese cercando di preparare contromosse adeguate”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.