Lff, all’Astra la prima italiana di ‘Nightmare cinema’

Un giovedì ancora con tanti grandi appuntamenti per il Lucca Film Festival Europa Cinema.
Sarà Joe Dante, cineasta della generazione formatasi alla New World Pictures, autore di film cult come Gremlins e Piraña, il protagonista della sesta giornata del Lucca Film Festival e Europa Cinema, in programma domani (18 aprile) a Lucca. Per l’occasione il regista, riceverà il premio alla carriera (alle 20,30 al cinema Astra) e introdurrà la prima italiana di Nightmare Cinema, lavoro collettivo e antologia horror di cinque registi in cui Joe Dante ha girato l’episodio intitolato Mirare.

Il film è un’antologia horror di cinque registi dove cinque personaggi si ritrovano in un vecchio cinema di proprietà del Proiezionista. Una volta all’interno gli spettatori assistono ad una serie di film che mostrano le loro paure più profonde e i loro più oscuri segreti in cinque diverse storie: The Thing in the Woods (di Alejandro Brugués); Mirare (di Joe Dante); Mashit (di Ryûhei Kitamura) This Way to Egress (di David Slade); Dead (di Mick Garris).
Gli appuntamenti della giornata inizieranno alle 17 con la masterclass di cinema con l’attore Rutger Hauer che salirà in cattedra per incontrare il pubblico del festival con un incontro sul “futuro”. Ad accompagnare la masterclass il fumettista, ideatore di Nathan Never, Antonio Serra.
Al cinema Centrale la sesta giornata di festival prosegue con la proiezione dei lungometraggi in concorso. Alle 15 è il turno di Eternal Winter sulle 700mila vittime ungheresi dei campi di lavoro sovietici, le cui storie sono rimaste ignote per oltre 70 anni, firmato dal regista Attila Szász. Alle 17 The Best of Dorien B. di Anke Blondé, commedia drammatica che segue le vicende della trentasettenne protagonista Dorien; a seguire alle 19 Zero impunity di Nicolas Blies e Stéphane Hueber-Blies, progetto transmediale che vuole fare luce sui crimini sessuali durante i conflitti armati. Alle 21 è in programma Il grande silenzio che verrà introdotto dal regista Philip Gröning, che in questo documentario contemplativo, svela al pubblico la bellezza della Grande Chartreuse per la prima volta da quando è stato fondato da San Bruno nel 1084. La serata in collaborazione con il Circolo del Cinema di Lucca.
All’Auditorium Vincenzo da Massa Carrara le proiezioni inizieranno alle 15 con I falchi della notte di Bruce Malmuth, storia di un killer, al soldo del terrorismo internazionale, che architetta un massacro al palazzo delle Nazioni Unite. Si prosegue alle 17 con Homecoming di Joe Dante, che racconta di un esercito di zombie in divisa che si risveglia per recarsi alle urne e votare l’opposizione al governo. La programmazione terminerà alle 21 con l’appuntamento dedicato al cinema e all’arte con la proiezione di Mathera. L’ascolto dei sassi di Francesco Invernizzi.
Per la sezione dedicata a Joe Dante, con una selezione suoi film più rappresentativi che ripercorrono la sua carriera, alle 15 all’auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca, è in programma Gremlins 2-La Nuova Stirpe. Alle 17 prosegue l’omaggio al regista francese Michel Ocelot con la proiezione di Kirikù e gli animali selvaggi e alle 21 I colori della passione di Lech Majewski.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.