Ordinanza prefetti, sindaco a Salvini: “Mina democrazia”

Il sindaco Alessandro Tambellini contro il vicepremier Salvini dopo l’ordinanza sui poteri dei prefetti: “Prima – scrive il primo cittadino sui social – mortifica i militari e le forze dell’ordine, imitando il loro lavoro (anche il loro abbigliamento) e il loro ruolo, poi attenta all’autonomia dei sindaci, mettendo in discussione con una sola ordinanza il fondamento assoluto del nostro Stato: la democrazia, il voto di tutti noi cittadini. Lo dice il ministro tuttofare con una direttiva: al posto dei sindaci democraticamente eletti basta il prefetto, nominato dal governo, quindi da lui, per decidere cosa fare, dove, come e perché in nome di una sicurezza che c’è a momenti alterni, secondo una personale interpretazione”.

“È l’Italia del 2019 – prosegue il sinaco  dove un’ordinanza burocratica vale di più di un’elezione libera e democratica; dove una direttiva ministeriale può anche annullare il voto dei cittadini. Mi appello direttamente al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al presidente del consiglio, Giuseppe Conte, al presidente di Anci, Antonio Decaro: oltre a stracciare l’ordinanza, mettiamo tutti insieme un freno a questo costante smantellamento del nostro Stato e dei nostri principi democratici e costituzionali. Facciamolo per l’Italia, per la Costituzione e per tutte le persone che la applicano ogni giorno nelle loro vite, quando scelgono l’uguaglianza alla sopraffazione, il rispetto alla prepotenza, l’amore all’indifferenza e al pregiudizio: fari nella notte buia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.