Reddito di maternità, PdF Lucca consegna le firme

Più informazioni su

Anche il Popolo della Famiglia di Lucca consegna le firme sul reddito di maternità. L’occasione è stata quella della assemblea nazionale ieri (11 maggio) all’hotel Quirinale di Roma, per la consegna da parte dei delegati del movimento provenienti da tutta Italia delle 59.143 firme raccolte sul disegno di legge di iniziativa popolare per il reddito di maternità. Tra queste anche quelle raccolte dal Popolo della Famiglia di Lucca.

 “Con mille euro al mese per i primi otto anni di vita del figlio riconosciuti alle madri – ha dichiarato il presidente nazionale del PdF, Mario Adinolfi -, totalmente finanziati dall’abrogazione dell’elettoral-assistenzialistico reddito di cittadinanza che inchioda l’Italia alla crescita zero, faremo ripartire il Paese anche economicamente, perché investire sulla famiglia e sui figli significa creare ricchezza. La nostra battaglia per la vita non finisce con questo obiettivo raggiunto. Ora abbiamo chiara sul calendario la data del 24 settembre, quando scadrà l’anno di tempo dato dalla Corte Costituzionale al Parlamento per esprimersi in materia di suicidio assistito e eutanasia. Ogni voto dato al Popolo della Famiglia alle europee serve a braccare Emma Bonino, ma anche i politici pavidi e silenti sul tema, come Di Maio e Salvini, affinché non si osi inserire nell’ordinamento giuridico italiano la cultura mortifera del Nord Europa. La vita in Italia è un bene non disponibile, si condanni dunque Marco Cappato per aver aiutato il suicidio di un disabile grave, si ribadisca in Parlamento la validità dell’articolo 580 del codice penale che punisce pesantemente l’aiuto al suicidio. Alle europee si vota anche su queste scelte decisive per l’esistenza di ciascuno di noi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.