Litiga con il rivale in amore, poi lo investe con l’auto e scappa: rintracciato e denunciato un trentenne foto

di Roberto Salotti
C’era l’amore dietro a quello che inizialmente era sembrato il purtroppo classico investimento di pedone, con un pirata della strada in fuga. Lo hanno scoperto, nel giro di rapide indagini, gli agenti della polizia municipale di Altopascio, che erano intervenuti all’ora di pranzo di oggi (15 maggio) per i rilievi di un incidente stradale avvenuto nella centralissima via Roma. Secondo gli investigatori guidati dal comandante Italo Pellegrini, il 30enne di Castelfranco di Sotto che alla guida della sua auto si era allontanato lasciando a terra, dopo averlo sbalzato di qualche metro sull’asfalto, un 44enne di Altopascio, avrebbe agito volontariamente: dopo aver avuto un furibondo litigio per questioni legate ad una “fiamma” contesa e acceso dalla gelosia, lo ha atteso in via Roma e quando lo ha visto per strada a piedi ha premuto sull’acceleratore.

Erano circa le 13 quando alcuni passanti hanno sentito il rumore dell’auto accelerare e voltandosi hanno visto a terra il pedone e il conducente dell’auto allontanarsi velocemente.
Viene subito dato l’allarme: sul posto si dirige un’ambulanza che soccorre il ferito e lo conduce poi al pronto soccorso con un politeama. Nel frattempo gli agenti della polizia municipale avviano le indagini. Ascoltano alcuni testimoni dell’accaduto, e acquisiscono elementi utili a rintracciare il pirata della strada. Con il passare del tempo, è cresciuto il sospetto che non si trattasse di un semplice incidente. E ascoltando le parti, è venuto fuori un quadro da cronaca rosa. Che tuttavia ha rischiato di trasformarsi in una tragedia.
Qualche ora dopo, infatti, gli agenti hanno rintracciato il presunto pirata: inequivocabili i segni sull’auto – una Lancia – e in particolare sul parabrezza. Elementi ritenuti schiaccianti per inchiodare l’uomo – 30 anni di Castelfranco di Sotto -, che è stato denunciato per fuga a seguito di un incidente e lesioni volontarie e aggravate, in attesa di ulteriori decisioni da parte della magistratura.
La vittima invece è ricoverata per gli accertamenti del caso all’ospedale San Luca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.