Ruba assegni all’amico che lo ospita, a processo

Ruba il libretto degli assegni all’amico che lo ospitava, un 47enne va a processo per furto. Per molti mesi l’imputato ha vissuto a casa del suo amico, negli anni passati, che aveva deciso di ospitarlo anche in cambio di una mano per alcuni problemi di salute, il classico patto tra amici che decidono di darsi una mano a vicenda. Una fiducia malriposta.

Questa almeno la ricostruzione degli inquirenti che hanno chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio nei confronti del 47enne di Viareggio per furto aggravato, sostituzione di persona e falsità. Il 12 dicembre prossimo l’uomo dovrà presentarsi in aula e affrontare dunque la fase dibattimentale del procedimento penale a suo carico. Lo scorso anno, sempre secondo l’accusa, in quella casa di Lucca, però, l’imputato avrebbe rubato il carnet degli assegni del suo amico per poi presentarsi in banca per provare a incassarne uno da 3500 euro da lui stesso compilato e con firma apocrifa spacciandosi per il legittimo intestatario del conto corrente a cui era collegato l’assegno.
Dalle indagini partite proprio per via di quella firma che non corrispondeva si sarebbe risaliti all’intera vicenda oggetto del processo in corso. L’imputato avrebbe rubato gli assegni dal comodino della stanza da letto del suo amico approfittando di un momento di assenza. Quindi poi avrebbe dato seguito al piano che aveva in mente. Queste almeno le ipotesi accusatorie che ora passeranno al vaglio del processo vero e proprio nel prossimo mese di dicembre nel Tribunale di Lucca.

Vincenzo Brunelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.