A Lucca un convegno su “Amore tra normalità e patologie”

Che cos’è l’amore? Come ci trasforma? Come cambia la nostra percezione del mondo e della realtà? Come si riconoscono i comportamenti devianti prima che sia troppo tardi? E, soprattutto, come se ne esce? Sarà questo il tema al centro del seminario dal titolo L’Amore tra normalità e patologia in programma sabato (15 giugno) nella sala Accademia di Palazzo Ducale e che coinvolgerà psichiatri, psicologi, chirurghi plastici e avvocati per raccontare il sentimento amoroso nelle sue implicazioni naturali fino alle derive patologiche. Il convegno, gratuito e aperto a tutti, riconoscerà 7 crediti Ecm per i professionisti medici interessati.

“Il seminario – spiega il professor Armando Piccinni, presidente della Fondazione Brf Onlus – sarà un modo per riflettere attraverso delle figure fra di loro complementari su un fenomeno che interessa tutti quanti. Affronteremo il tema da diversi punti di vista per restituire un quadro completo di ciò che biologicamente e psicologicamente accade, non trascurando anche le derive che dal sentimento amoroso possono nascere”.
“Non ci sono dubbi che l’innamoramento sia un forma transitoria di follia” commenta la Professoressa Donatella Marazziti, responsabile ricerche della Fondazione Brf Onlus, e autrice di numerosi libri sull’argomento, fra i quali “La natura dell’amore” (Rizzoli) .
“Durante la giornata di sabato – continua Marazziti – analizzeremo in modo completo cosa ci succede quando siamo innamorati. In questi momenti infatti siamo costantemente su di giri, spesso euforici. A volte alterniamo momenti di gioia ad altri di sconforto estremo se il partner ci tiene sulla corda. Il pensiero è costantemente rivolto all’altro che trasfiguriamo come l’essere più straordinario che esista sulla faccia della terra. Perdiamo interesse nelle attività quotidiane che ci sembrano tutte inutili e banali, dato che il nostro unico interesse è stare con l’altro, e come e dove rivederlo. A parte l’esperienza di noi tutti, anche la scienza da alcuni decenni ha ampiamente suffragato quella che è un’ esperienza universale”.
Un’esperienza che toccherà – grazie ai diversi professionisti coinvolti – numerosi campi. Parteciperanno infatti al convegno, oltre al Professor Armando Piccinni e alla Professoressa Donatella Marazziti, anche il giornalista milanese Paolo Magnocco, lo psicologo di fama nazionale Salvo Noè, lo psicologo fiorentino Andrea Pozza, il professor Mauro Mauri dell’Università di Pisa, il chirurgo plastico Gianmatteo Cecchini e l’avvocato Gianna Borghesi.
Per il programma completo clicca qui

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.