Quantcast

Lucchese, compratore c’è ma tempi sono stretti

Sono ore decisive per il futuro della Lucchese. È stato per primo il commissario giudiziale Claudio Del Prete ad annunciare un vertice tra l’assessore allo sport Stefano Ragghianti, l’avvocato incaricato dalla società rossonera Angelo Massone, ed alcuni soggetti che si sarebbero detti interessati a rilevare la società, in rappresentanza di un imprenditore di origine lucchese con aziende a Roma e Milano nel settore della plastica. Sicuramente una buona notizia ma il tempo comunque stringe dato che, come ha spiegato Del Prete, le carte dovrebbero essere auspicabilmente pronte entro una decina di giorni viste le scadenze ristrette.

Ammettendo che questi soggetti palesatisi nelle ultime ore dimostrino di essere “credibili”, quali sono i prossimi passaggi? “La prima questione da risolvere è quella legata al pagamento dei compensi pregressi dei giocatori e dello staff tecnico. Questo è il primo passaggio fondamentale – spiega il commissario giudiziale nominato dal tribunale di Lucca per gestire la proposta di concordato preventivo – Poi ci sono le scadenze: entro il 17 giugno, ovvero lunedì prossimo, deve essere inviata la fidejussione bancaria ed entro il 24 giugno dovrà essere iscritta la squadra al campionato. Dopodiché ci sarà da capire come gestire il piano di concordato preventivo. Abbiamo tempi molto stretti”.
Sul futuro del sodalizio rossonero pende anche un’altra spada di Damocle: quella relativa al ricorso fatto contro l’ammenda da 350mila euro inflitta dalla Federazione. “So che il Collegio di garanzia dovrebbe riunirsi proprio in questi giorni – conclude Del Prete – Anche questo sarà un passaggio fondamentale perché si tratta di una cifra considerevole che potrebbe tornare nelle disponibilità della Lucchese”.
Josef Ferrando, questo il nome del compratore, che dovrebbe definire l’acquisto a un euro dalla cordata di Castelli e Ceniccola, sarebbe pronto a presentarsi alla città già dalla prossima settimana. La trattativa sarebbe condizionata all’effettiva iscrizione al campionato, che provvederebbe a pagare lo stesso Ferrando, accollandosi anche i debiti della passata gestione, inserendosi nella procedura concordataria. 
Intanto sempre la prossima settimana, probabilmente proprio lunedì 17, sarà convocato un consiglio comunale che avrà al centro proprio la questione Lucchese e a cui dovrebbero partecipare anche i protagonisti della cavalcata che ha portato alla salvezza. Un tributo alla squadra proprio nelle ore in cui si capirà se la società avrà un futuro o meno fra i professionisti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.