Sviluppo sostenibile, Sofidel riduce plastica nel packaging

Sofidel, gruppo cartario fra i leader a livello mondiale nella produzione di carta per uso igienico e domestico, noto in particolare per il brand Regina, compie un nuovo passo nella sua strategia di sviluppo sostenibile. L’obiettivo che il gruppo si è posto è la riduzione del 50 per cento dell’incidenza della plastica convenzionale nella sua produzione entro il 2030 (rispetto al 2013), equivalente all’eliminazione di oltre 11mila tonnellate all’anno di plastica immessa sul mercato.

Un obiettivo perseguito attraverso una generale riduzione, già avviata negli anni scorsi, dello spessore del film plastico impiegato nel processo produttivo, l’introduzione di nuovi packaging in carta kraft, già presenti o in arrivo sugli scaffali della distribuzione europea e il progressivo impiego, in alcuni mercati, di plastiche riciclate o di bioplastiche. “Per Sofidel si tratta di una scelta di coerenza e di responsabilità – ha dichiarato Luigi Lazzareschi, amministratore delegato Sofidel – Un impegno che rientra in una più ampia strategia di innovazione e differenziazione di prodotto che stiamo portando avanti. Un nuovo contributo a favore di uno sviluppo pienamente sostenibile che intende rispondere in modo ancora più organico alla crescente domanda di attenzione ambientale”.
L’impegno passa innanzitutto dai brand Sofidel, molti dei quali leader nei rispettivi mercati di riferimento. Già entro la fine del 2020 Sofidel si impegna infatti a eliminare l’equivalente di 600 tonnellate di plastica all’anno dalle confezioni destinate al consumo finale dei suoi principali marchi europei, quali Regina, Cosynel, Nalys, Le Trèfle, Sopalin e KittenSoft. Questo prevalentemente attraverso l’introduzione di packaging in carta in sostituzione o in affiancamento ai prodotti esistenti.
In Italia, sarà la nuova linea di Rotoloni Regina, Rotoloni Regina Eco, ad arrivare nei punti vendita della grande distribuzione a partire dal mese di luglio. Questa nuova linea, con pack in carta kraft – materiale di origine vegetale e quindi rinnovabile, biodegradabile e facilmente riciclabile – al posto del classico polietilene, si aggiunge alla gamma tradizionale ed è prodotta impiegando esclusivamente energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili, generata presso gli stabilimenti Sofidel.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.