No assi viari, comitato diventa ‘Altrestrade’

Nuovo statuto e nuovi organi diettivi per il comitato contro gli assi viari. L’assemblea si è tenuta ieri (21 giugno) e ha deciso anche il cambio di nome in Comitato Altrestrade.
“Coscienti dei problemi di traffico che riguardano la Piana di Lucca – diono dal comitato – siamo profondamente convinti che la loro soluzione passi per altre strade, non quelle che Anas e la nostra classe politica continuano da anni a sostenere, con progetti che si sono rivelati ogni volta fallimentari, compreso l’ultimo. E allora, se veramente vogliamo risolvere i problemi, perché non prendere altre strade? Alla fine si potrebbero ottenere risultati immediati risparmiando ingenti somme di denaro che, ricordiamo, sono comunque soldi pubblici. Fino ad oggi – spiegano – non si contano i soldi spesi in progettazioni inadeguate e non ricevibili da parte del territorio. Con la metà della metà adesso avremo un sistema di mobilità perfettamente funzionante ed integrato col territorio. Il nome Altrestrade sta appunto a significare questo, e molto altro. È anche un omaggio che abbiamo voluto fare alla memoria di un grande ambientalista che ci ha accompagnato nella nostra battaglia per lunghi anni: Fabio Lucchesi. È stata sua, infatti, l’idea di Altrestrade che oggi si è concretizzata”.

“Ringraziamo la nostra presidentessa Mirella – prosegue a nota –  che per 18 lunghi anni ci ha guidato e rappresentato e che comunque rimane attiva nell’ambito del nostro coordinamento, a lei va la nostra riconoscenza per essersi messa in gioco sin da subito. È grazie a lei e a tutti gli altri soci che negli anni si sono succeduti se la lotta contro gli assi viari si è trasformata da una protesta diffusa e caotica in un progetto di sintesi. Nel corso della settimana sarà depositato l’atto costitutivo ufficiale ma a partire da ieri sera è già possibile iscriversi come soci simpatizzanti, semplicemente compilando e firmando il modulo scaricabile dal blog www.assiviarilucca.it. È possibile intanto inviare i moduli scannerizzati alla mail info@assiviarilucca.it La consegna dei moduli in originale verrà effettuata entro la prima metà di luglio, in data da definirsi. Con il modulo è già possibile dare la disponibilità per sostenere il comitato nella prossima ed imminente azione legale contro il progetto, spuntando la relativa casella e firmandola in calce. Non si tratta di un impegno vincolante e non vengono chieste somme per il momento. La firma serve solo per sapere chi, tra i nostri simpatizzanti, è disponibile a dividere pro quota le spese legali, previa approfondita conoscenza delle stesse. Invitiamo quindi tutti coloro che sono contrari al progetto ad iscriversi alla nuova associazione e, perchè no, a dirsi sin da ora disponibili a scendere in campo per l’impugnazione del progetto, quando sarà il momento. Più persone partecipano e più si alleggerisce l’impegno economico di ognuno. In questo modo un’impugnazione che da soli sarebbe gravosa, tutti insieme diventa semplice e possibile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.