Toscana, oltre 200 eventi per le notti dell’archeologia

Tornano le notti dell’archeologie toscane. Dal 29 giugno al 4 agosto oltre 200 eventi dedicati si susseguiranno nei musei, aree e parchi archeologici della regione grazie alle 105 adesioni raggiunte. Il ricco programma della 19esima edizione è rivolto ad un pubblico di tutte le età, prevede aperture straordinarie serali e notturne, conferenze sui temi dell’archeologia, trekking urbano e nei siti archeologici, visite guidate per famiglie e adulti, laboratori didattici dedicati ai bambini dove potranno cimentarsi in attività manuali molto divertenti.

“Questa diciannovesima edizione ha come filo conduttore Arte e techne, un tema che valorizza le componenti estetiche ed artistiche delle collezioni e, in generale, del patrimonio culturale dalla preistoria ad oggi, con uno sguardo attento sia alle tecniche di realizzazione dei manufatti artistici che alla tecnologia disponibile dai tempi più remoti, in continua evoluzione –  ha detto Monica Barni, vicepresidente regionale con delega alla cultura -. Nell’anno delle celebrazioni per il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci il tema rafforza le vocazioni che sono state dell’opera leonardesca, continuatrice e promotrice di un connubio tra Arte e techne che dal più lontano passato giunge fino ad oggi”. “Anche per quest’anno – ha concluso Barni – le notti dell’archeologia intendono quindi promuovere le attività dei musei e far conoscere al maggior numero di persone la ricchezza del nostro patrimonio archeologico, connotato nel flusso dei millenni da un perenne connubio tra componenti estetiche e tecniche, e dallo scenario tecnologico di know-how di sfondo delle diverse civiltà, in un legame perenne tra origini e futuro”. Tra le notti in programma anche quella di Camaiore. A cura del Museo archeologico nel centro storico della cittadina, sabato (6 luglio) si svolgerà un percorso itinerante tra varie postazioni allestite in cui i partecipanti potranno avere notizie storico-artistiche sui principali monumenti e si potrà partecipare a laboratori didattici su alcune delle tecnologie medievali e degli aspetti della vita quotidiana durante il Medioevo. A Pietrasanta, sempre il 6 luglio, al museo archeologico versiliese Bruno Antonucci, si svolgerà la conferenza a cura di Simonetta Menchelli dell’Università di Pisa Rotte antiche nel Tirreno settentrionale dedicata ai traffici commerciali che dall’epoca etrusca all’età romana hanno interessato il bacino settentrionale del Tirreno, alla luce delle ultime scoperte archeologiche. Un viaggio per terra e mare fatto di merci, scambi, mercanti e marinai. Le informazioni complete sono alla pagina www.regione.toscana.it/nottidellarcheologia all’interno della quale è possibile accedere a tutti gli eventi suddivisi per provincia.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.